Prova su strada Opel Mokka X GPL: il SUV a tutto gas!

Abbiamo messo le mani sulla nuova Opel Mokka X, Crossover compatto del marchio teutonico in questa versione alimentata a GPL. Linee originali e comfort di bordo ci hanno accompagnato per tanti chilometri con un occhio ai consumi, ecco come si è comportata.

Il segmento delle auto SUV compatte è sicuramente in fermento ed ormai non c’è casa automobilistica che non proponga alla propria clientela una personale interpretazione sul tema. In casa Opel troviamo da qualche anno la Mokka, vettura di enorme successo che dal Salone Internazionale dell’auto di Ginevra del 2016 ha subito un restyling sia per quanto riguarda l’estetica sia per quanto riguarda il nome al quale è stata aggiunta una “X”, lettera che contraddistinguerà tutte le future sport utility di Opel.

La versione che ci ha accompagnato nelle ultime due settimane è la Mokka X Innovation 1.4 Turbo GPL/Benzina nel colore Amber Orange dotata di propulsore 1.4 litri da 140 CV alimentato anche a GPL ed è proprio in relazione a questa caratteristica che vorrei iniziare questa mia prova su strada.

Il GPL è oggettivamente una dotazione molto interessante anche alla luce del fatto che ormai sono tanti i distributori di carburante che si sono attrezzati per offrire questo servizio. Se non sapete dove fare rifornimento basta scaricare una delle tante app per il vostro smartphone e resterete colpiti da quanto sia vasta la rete di distribuzione che conta oggi oltre 3.000 stazioni di rifornimento.

Restare a corto di GPL è praticamente impossibile e nel caso remoto basta premere il pulsante sulla plancia per passare al carburante tradizionale e coprire la distanza necessaria per arrivare da Milano a Roma senza doversi fermare per il rifornimento.

Il GPL, per chi fosse all’asciutto sul tema, ha l’indubbio vantaggio di un costo inferiore rispetto alla benzina ma comporta consumi superiori all’alimentazione tradizionale. Nonostante questo fatto si riesce a maturare un risparmio consistente che alleggerisce in maniera importante la voce di spesa alla fine del mese, specie per coloro i quali percorrono molti chilometri.

In occasione della nostra prova su strada abbiamo raggiunto l’Umbria con una spesa nettamente inferiore al costo del pedaggio autostradale e vi assicuro che è una sensazione piacevole alla quale non eravamo abituati. Per ovviare al rifornimento in autostrada abbiamo fatto il pieno di GPL e benzina ad un prezzo vantaggioso in uno dei distributori alla periferia della città ed abbiamo poi viaggiato utilizzando il gas per consumare poi una minima parte di benzina. Costo totale del viaggio: meno di 30 euro per arrivare fino a Perugia.

Il GPL oltre che una scelta economica è anche una scelta ecologica visto che la sua combustione produce residui inferiori rispetto ad un qualsiasi propulsore diesel o benzina. Purtroppo alcune amministrazioni pubbliche hanno di recente eliminato il GPL dall’elenco delle vetture aventi diritto ad accesso gratuito nel centro cittadino ma del resto c’era da aspettarselo in quanto il numero di vetture circolanti rappresentava ormai un importante mancato introito per le casse.

Altra considerazione riguardante questa Opel Mokka X alimentata a GPL riguarda la comodità e la trasparenza con la quale la vettura esegue il passaggio da un carburante all’altro: basta premere il pulsante posto in prossimità dei comandi dell’aria condizionata ed in automatico viene inserito il GPL piuttosto che la benzina. Ad ogni passaggio di alimentazione l’indicatore di carburante si associa al corrispondente serbatoio ed il computer di bordo comunica l’autonomia residua di ogni singolo carburante e quella combinata. Il tutto senza il minimo sobbalzo.

Nota conclusiva: il serbatoio di GPL non ruba spazio alla capacità di carico o all’abitacolo ma non permette di fruire dell’accessorio portabici Flex-Fix. Un piccolissimo prezzo da pagare che non cambia di molto l’ottimo lavoro svolto nell’integrare il sistema GPL.

Come va la Opel Mokka X GPL

Dopo le numerose, quanto doverose, considerazioni sul GPL devo ammettere che la sensazione di giuda è piacevole e mai caratterizzata dalla tipologia di carburante in uso. Le sospensioni fanno il loro dovere supportando la guida in ogni condizione agendo in maniera efficace sul terreno sconnesso e rispondendo bene ai cambi di direzione più aggressivi. L’auto è fin quasi divertente da guidare nonostante non sia concepita come una sportiva. Il cambio a sei marce, rigorosamente manuale, si rileva preciso e adatto ad uno stile di guida all’insegna della morigeratezza. Da segnalare la silenziosità del motore che offre un contenuto impatto acustico anche alle alte velocità. Va guidata ai medi regimi perché ai bassi rischia di soffrire un po’ mentre agli alti non si trova proprio a suo agio, specie alimentata a gas. Ricordate sempre che i motori alimentati a gas prediligono una guida tranquilla, pena un’usura prematura.


Il design di Opel Mokka X

Uno degli elementi che colpisce è sicuramente il design, rinnovato rispetto alla precedente versione. Sono dell’idea che ci si metta un attimo ad abituarsi ma dopo qualche giorno si apprezza l’anteriore con quella griglia così evidente ed i fari diurni a LED che incattiviscono molto il muso del piccolo crossover tedesco e che creano una specie di continuità con il profilo cromato che attraversa la griglia. Apprezzo molto l’originalità delle forme che la differenzia da tutte le altre vetture a catalogo.

Gli interni sono essenziali e funzionali ed ogni elemento è al posto giusto. I materiali con i quali sono realizzati comunicano un senso di robustezza e al tatto si ha una percezione di buona qualità.

Lo spazio nel baule non è ai vertici della categoria ma vi posso assicurare che i passeggeri seduti nella parte posteriore del veicolo godono di ampio spazio per le gambe e sopra la testa.

Del sistema di infotainment apprezzo la possibilità di collegamento con Android Auto ed Apple Car Play per poter proiettare i contenuti dello smartphone sul computer di bordo.

Le dotazioni di sicurezza Opel

Da qualche anno a questa parte Opel ha fatto notevoli passi in avanti per quanto riguarda le tecnologie di sicurezza e la Opel Mokka X nella versione a nostra disposizione rappresenta forse lo stato dell’arte nelle innovazioni offerte dalla casa tedesca. Lo si apprende immediatamente guardando il vetro anteriore nel quale è inserita, in modo discreto, la telecamera di bordo che dialoga con il computer e che agisce a supporto del guidatore in diverse condizioni di guida. La tecnologia si chiama Open Eye e rappresenta il terzo occhio sempre vigile che monitora il traffico e interviene con discrezione per prevenire incidenti. Basta infatti un attimo di distrazione per far attivare la luce rossa ed il cicalino che richiamano immediatamente l’attenzione del pilota alle condizioni della strada. Io stesso, pur prestando la massima attenzione alla guida, sono stato avvisato in almeno un paio di occasioni.

Da menzionare anche la tecnologia Opel OnStar di cui è dotata la nostra vettura: si tratta di un sistema attraverso il quale richiedere assistenza in caso di problemi e che interviene in maniera autonoma inviando i soccorsi nel caso in cui venga rilevato un urto consistente. Il servizio permette anche di avere un assistente personale in grado di suggerire ristoranti ed alberghi.

In caso di cambio repentino di corsia di marcia interviene il sistema di assistenza al mantenimento della corsia che notifica la condizione di pericolo.

Cosa mi piace meno in questa Opel Mokka X

Sono oggettivamente pochi gli elementi che mi hanno colpito negativamente ma parlando con un collega mi è stato fatto notare che il lunotto posteriore offre una visibilità molto ridotta. Per certi versi sono d’accorso, il lunotto è oggettivamente piccolo ma per contro potrei dire che ormai è da tempo che mi affido all’elettronica di bordo per le manovre in retromarcia e in questo caso i sensori di bordo, di serie, vanno necessariamente affiancati alla telecamera posteriore che offre un importante aiuto nelle manovre e che peraltro interviene attivamente segnalando l’avvicinarsi di veicoli a retro marcia innestata. Per ora la versione a GPL non prevede la trazione integrale: piccola pecca specie per coloro i quali hanno la necessità di guidare in condizioni di giuda un po’ più difficoltose.

In conclusione posso dire di essermi trovato bene a bordo della piccola grande Opel Mokka X e sono stato piacevolmente impressionato dai notevoli passi in avanti fatti da Opel anche per quanto riguarda la sicurezza e la tecnologia di bordo. Il motore gira che è un gioiello e parlando di estetica adoro la parte anteriore così squadrata e circondata dai fari diurni a LED. La capacità di carico è sufficiente anche per un viaggio e alla peggio basta abbassare i sedili. Il prezzo dell’auto a nostra disposizione con Navi, fari anteriori adattivi, Open Eye, Info display plus è di 29.600 euro mentre l’allestimento senza gli optionals sopra menzionati è di 26.200 euro.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someonePrint this page

- Autore Article URL: http://www.infomotori.com/ecologiche/prova-su-strada-opel-mokka-x-gpl-il-suv-a-tutto-gas_135076/

Vuoi tenerti aggiornato su Opel Mokka?


Ti stai iscrivendo alla Newsletter di:

OK Ho letto ed accetto l'informativa sulla Privacy ai sensi del D.Lgs. 196/2003


Annunci Privati
Vuoi vendere la tua Auto?

Inserisci il tuo annuncio

Gratis