Tergicristalli: come pulirli e quando sostituirli

Una buona visibilità è il primo fattore di sicurezza per chi guida, è quindi importante tenere pulito il parabrezza. Per fare questo tergicristalli (o spazzole lavavetro) devono essere in buone condizioni: ecco quindi qualche consiglio per mantenerli puliti e per sapere quando cambiarli

Perché è importante avere delle buone spazzole tergicristalli

La visibilità è il primo fattore di sicurezza quando si è alla guida. Poter scorgere con ampio anticipo gli ostacoli che si frappongono sul nostro cammino ci consente di adottare per tempo tutte le necessarie contromisure.
È ovvio, quindi, che (al di là dei nostri decimi di vista), il presidio di visibilità numero uno sia il parabrezza: quando questa ampia superficie trasparente è pulita la guida risulta più sicura, oltre che più rilassata.
E a tenere pulito il parabrezza contribuiscono in maniera determinante le spazzole tergicristalli, o lavavetro che dir si voglia. Troppo spesso, infatti, trascuriamo l’efficienza di questo semplice ma fondamentale strumento, che è stato uno dei primi ad essere installato sulle automobili, già agli inizi del ‘900.

Tergicristalli: manutenzione e controllo

Lama

Al di là del movimento meccanico del braccio (che difficilmente, peraltro, si guasta), tutta l’efficacia dei tergicristalli è racchiusa nello stato di salute della lama di gomma destinata a detergere il parabrezza, lama detta anche “gommino”. Quando questo ha una superficie d’appoggio liscia ed uniforme, il parabrazza viene pulito alla perfezione: se cominciano a comparire le classiche “righe”, significa che o c’è un micro corpuscolo impigliato sotto il gommino oppure quest’ultimo si sta consumando irregolarmente e quindi richiederà a breve una sostituzione.
La lama in gomma non ha una durata eterna: spesso, specie se usata molto (come è accaduto in quest’anno, piovosissimo), anche se è ben tenuta, meno di un anno. Ci sono però accorgimenti per farla durare di più: il primo è la pulizia periodica. Bastano una pezzuola o un po’ di cotone, imbevuti di un detergente (come il classico Vetril) da passare sul filo del gommino, delicatamente ma con decisione, tenendo ben fermo il braccio del tergicristallo. L’operazione va ripetuta finchè lo straccetto non rimane pulito.

5 Foto

Gommino

Il secondo accorgimento è evitare stress al gommino del tergicristallo, facendolo scorrere su un parabrezza pieno di sporco (polvere, insetti, ecc.) senza l’ausilio del liquido detergente contenuto nell’apposita vaschetta nel vano motore, il cui livello (in genere contiene alcuni litri) va costantemente rabboccato per evitare di trovarsi “a secco”, magari in condizioni climatiche avverse.
Attenzione, aggiungere solo acqua serve a poco, perché l’acqua può al massimo togliere i residui di polvere o gli schizzi di fango, ma non ha alcun potere sgrassante e quindi è inutile, ad esempio, contro gli insetti o sporco più “oleoso”. In commercio ci sono economiche confezioni di detergente, sia in forma concentrata, da diluire nella vaschetta piena d’acqua, sia già miscelata, in contenitori da 5 litri, pronta all’uso. In caso di necessità, potete aggiungere all’acqua anche un bicchiere di alcool denaturato: ha un odore un po’ forte, ma svolge egregiamente una funzione d’emergenza sgrassante e deghiacciante. In tal modo la manutenzione dei vostri tergicristalli è assicurata.

Pericolo ghiaccio

Ecco, il ghiaccio è l’altro grande nemico dei tergicristalli: se sul parabrezza compare la classica patina bianca che ci impedisce di vedere fuori, non tentate di romperla usando le spazzole del tergicristallo. Meglio usare uno spray deghiacciante, che agisce molto rapidamente, o, in alternativa, ricorrere al vecchio ma sempre efficace raschietto; se invece non avete fretta, accendete il motore, attivate il climatizzatore e dirigete il getto dell’aria (meglio tiepida) verso il parabrezza. Si “pulirà” rapidamente.

Sostituzione dei tergicristalli

La sostituzione periodica delle spazzole tergicristallo è comunque raccomandabile, soprattutto se le righe che vi compaiono davanti agli occhi si moltiplicano. Se siete dei maghi del “fai da te” potete sostituire anche il solo gommino, spendendo pochissimi euro: bisogna armarsi di pazienza, pinza, forbici e cacciavite e sfilare il vecchio gommino, sostituendolo con uno nuovo. Operazione possibile, ma assai più complicata, perché bisogna rimuovere dei fermi che a volte si rompono, anche con le più moderne spazzole Flat Top, costituite da un monopezzo in gomma.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someonePrint this page

- Autore Article URL: http://www.infomotori.com/guide/tergicristalli-come-pulirli-e-quando-sostituirli_71710/

Annunci Privati
Vuoi vendere la tua Auto?

Inserisci il tuo annuncio

Gratis