USATA
cerca auto nuove
NUOVA

Alfa Giulia

Nuovo rendering per la futura berlina Alfa Romeo Giulia: derivata dalla hatchback Giulietta, sarà una quattro porte dinamica e sportiva. Possibile una variante integrale Q4 grazzie alle sinergie con Chrysler / Jeep

Modello cruciale per il futuro della leggendaria casa di Arese, Alfa Romeo Giulia è attesa introno alla fine del 2011. Si tratta di una berlina dal sapore prettamente sportivo, strettamente imparentata con l’Alfa Romeo Giulietta. Vi anticipiamo grazie ad un rendering di ottima fattura il possibile aspetto della vettura. Come già accennato, la Giulia sarà basata sullo stesso pianale opportunamente modificato che costituisce la base per la recente media due volumi Alfa Giulietta. L’elaborazione grafica visibile in galleria è davvero appagante dal punto di vista estetico, forte di un design sportivo ed elegante al tempo stesso. Il paraurti anteriore rispetto alla Giulietta è più imponente, capace di integrarsi al meglio con la nuova vista laterale munita del terzo volume. Proprio la coda, ovviamente inedita, è la parte più interessante: compatta ed aggraziata, non sembra affatto “aggiunta” all’ultimo momento. In particolare, il raccordo tra padiglione e baule appare ben riuscito. I Fari anteriori guadagnano un secondo bulbo allo xenon: rispetto ai fari della Giulietta risultano più “pieni” e gradevoli. Sotto il cofano immaginiamo gli stessi motori benzina e diesel della Giulietta, tutti turbo ad iniezione diretta con potenze da 120 a 240 cavalli per l’allestimento Quadrifoglio Verde.

Proprio pensando alla versione più potente, la Quadrifoglio Verde spinta dal tecnologico 1750 TBi da circa 240 cavalli, viene alla mente un altro aspetto stimolante: la questione trazione integrale. La recente fusione con Chrysler, consente a Fiat l’accesso alle estese competenze Jeep in materia di trazione integrale. In questo modo con costi ragionevoli sarebbe possibile affrontare Audi A4, BMW Serie 3 e Mercedes Classe C ad armi pari. Le tre tedesche infatti, sono sempre più richieste nelle varianti 4×4. nasce da qui l’idea di rievocare la denominazione Q4, storicamente legata nella nomenclatura Alfa alle quattro ruote motrici. Grazie alle quattro ruote motrici, il propulsore della Giulietta Quadrifoglio Verde potrebbe esprimere sulla Giulia Q4 una potenza ancora maggiore in totale sicurezza: grazie all’adozione della tecnologia MultiAir, il 1750 TBi potrebbe infatti raggiungere un cavallaggio prossimo ai 250 – 260 puledri.

TUTTO SU Alfa Romeo Giulia
Articoli più letti
RUOTE IN RETE