Ferrari 488 Pista Piloti, la Supercar per i clienti dei programmi Corsa

Ferrari 488 Pista Piloti è la versione della supercar dedicata ai clienti che amano sfruttare le loro amate Ferrari in pista. Il motore V8 da 3.900 cc garantisce una potenza globale di ben 710 CV.

Parcheggiare una Ferrari nel box di casa non è solo una prerogativa di chi ha un conto corrente con svariati zeri al seguito, servono anche doti e capacità di guida degne di un pilota, quantomeno per tenere a bada la scheda tecnica di un qualsiasi modello con un cavallino piazzato sul cofano. La nuova Ferrari 488 Pista non fa eccezione, e anzi – probabilmente è il miglior esempio di come un’automobile con queste caratteristiche debba finire in mani sicure e capaci.

Questa supercar è infatti destinata alla vendita esclusiva ai clienti che parteciperanno ai programmi Corsa della casa di Maranello – primo tra tutti il Ferrari Challenge. Automobili destinate a scendere davvero in pista, con al volante un vero e proprio team di “piloti-clienti”. La nuova Ferrari 488 Pista è appena stata presentata in occasione della 24 Ore di Le Mans ed esteticamente riprende la livrea della collega GTE 51 di AF Corse – quella che per intenderci ha già vinto il titolo costruttori per quanto riguarda il FIA World Endurance Championship, l’anno scorso. Poi spicca il tricolore della bandiera italiana, il logo WEC – mentre i piloti possessori potranno far affiggere i numero con cui gareggiano.

Ma il bello di questa Ferrari sta soprattutto nel capitolo meccanica e tecnologia. A muovere la 488 Pista Piloti ci pensa quindi un motore V8 da 3.900 cc per una potenza globale di ben 710 CV. I numeri, nemmeno a dirlo, sono quelli che ci si attende da una supercar purosangue. Grazie all’unità di Maranello si schizza da 0 a 100 Km/h in appena 2,8 secondi per una velocità massima, formidabile, di ben 340 Km/h.

Quanto costa questo autentico sogno? Il quartier generale Ferrari non si è voluto pronunciare, ma è facile ipotizzare che il prezzo sia altamente superiore alle possibilità dei più, anche considerato che si tratta di un modello destinato a finire nei garage di chi, una Ferrari, già ce l’ha.

ARTICOLI CORRELATI