Nuova Lancia Stratos 2018: il sogno è finalmente realtà

Lancia Stratos torna in vita al Salone di Ginevra 2018, ma non è FCA a lanciarla. I 25 esemplari di New Stratos infatti sono stati commissionati dal facoltoso imprenditore tedesco Michael Stoschek, che nel 2010 partì con la meccanica di una Ferrari 430 Scuderia ed il designer Pininfarina

Vedere ancora la Lancia Stratos è un sogno di molti nonostante le lapidarie affermazioni del numero uno del gruppo FCA sul futuro del marchio. La leggenda dei Rally, di cui vi parliamo in questo articolo, è tutt’ora una delle vetture più influenti del Motorsport sul piano tecnico ed emozionale.

Nervosa, velocissima, spietata. La Lancia Stratos incarna in toto lo spirito delle corse lontane dai grandi sponsor ma vicinissime agli appassionati. Michael Stoschek, facoltoso imprenditore tedesco, ha sognato a lungo di riportare la Lancia Stratos agli splendori di un tempo, rivista nella tecnologia ma non nel carattere indomabile.

La New Stratos

Così Stoschek nel 2010 comincio un lungo percorso volto a riportare in vita la Stratos. La vettura venne equipaggiata da meccanica e propulsore di una Ferrari 430 Scuderia, debitamente adattata, il che conferiva alla New Stratos circa 550CV. Per quanto riguarda il Design, la New Stratos doveva chiaramente riprendere le linee del modello originale ma presentarsi in maniera nuova e moderna. L’appassionato decise quindi di affidarsi a uno dei migliori, se non il migliore in assoluto: portò il suo progetto a Pininfarina, che disegnò l’auto e ne ricavò gli studi aerodinamici.

Un lungo periodo di test ed una fugace presentazione stampa preannunciavano la produzione in serie limitata, senonché l’accordo con Ferrari sulla fornitura dei propulsori saltò è l’intero progetto finì nel dimenticatoio.

La New Stratos con motore Ferrari venne fatta guidare a Tiago Monteiro sul circuito di Balocco, terreno di prova per Alfa Romeo e Maserati.

Il ritorno della New Stratos nel 2018 in 25 esemplari

Chiaramente Michael Stoschek non si è arreso davanti al “No” ricevuto in Ferrari e si è spinto alla ricerca di un nuovo partner. Nello specifico si tratta del MAT, la Manifattura Automobili Torino, la stessa azienda che ha portato in vita la nuova Apollo e che si impegna nelle principali competizioni europee con mezzi di propria concezione Il progetto è quindi decollato con successo, e al Salone di Ginevra 2018 vedremo finalmente la New Stratos in veste definitiva. Se le specifiche tecniche sono ancora in larga parte sconosciute, sappiamo che dell’auto verranno prodotti 25 esemplari ad un prezzo che gravita attorno agli 800.000€.

ARTICOLI CORRELATI