Toyota Supra 2018: design del concept FT1 e collaborazione con BMW

Sembra proprio che la leggendaria Toyota Supra stia per tornare. È bastato il concept FT1 presentato tempo fa a far sussultare gli appassionati. Toyota Supra ha scritto pagine di storia del mondo automobilistico, e pare che a breve tornerà in produzione. L'attesa è tanta, anche per via della collaborazione del marchio giapponese con BMW. Ecco i primi scatti

Impossibile non ricordarsi della Toyota Supra, iconica vettura del marchio giapponese che riusciva a coniugare prestazioni davvero sportive ad un prezzo piuttosto contenuto. Ora sembra, dopo aver visto il concept FT1, che Toyota sia intenzionata a riportare in produzione la Supra. A quanto pare, l’auto verrà prodotta grazie ad una stretta collaborazione di Toyota con BMW, la quale fornirà la piattaforma su cui è stata sviluppata la Z4.

A quanto pare poi, la motorizzazione sarà ibrida. Non è un segreto infatti che Toyota sia uno dei marchi che ha prestato maggior attenzione alla tecnologia ibrida, anche se in questo caso si tratterebbe di una soluzione volta a migliorare le prestazioni più che a diminuire i consumi. Con tutte le probabilità la nuova Toyota Supra verrà commercializzata nel 2018 ad un prezzo che, facendo una stima, potrebbe aggirarsi intorno ai 40.000 €.

La migliore conferma che l’auto verrà prodotta però ci arriva da questi scatti, che ritraggono la Toyota Supra 2018 durante alcuni test di collaudo al circuito del Nürburgring. L’auto ha un camuffamento completo, ma sarebbe comunque impossibile nascondere il lungo cofano slanciato ed il posteriore sportivo ad indicare una coupé di serie intenzioni.

L’auto ha è rimasta in pista per circa due turni, per poi tornare verso il centro tecnico dove gli ingegneri torneranno al lavoro per affinare la messa a punto. Le forme sono piuttosto fedeli a quelle viste sul concept FT1 -che trovate nella gallery- ma per ragioni d’omologazione è probabile che venga almeno in parte modificata. Speriamo di vedere una versione più vicina al debutto al Salone di Ginevra 2017.

ARTICOLI CORRELATI