Ferrari 612 Spy

Dovrebbe debuttare tra fine 2011 e inizio 2012 l'erede della 612 Scaglietti: la nuova Ferrari 2+2 sarà più lunga, adotterà forse KERS e trazione integrale e si prepara a sfidare Porsche Panamera e Aston Martin Rapide

Ferrari 612 Spy. Nuova ondata di test, questa volta in un gelido paesaggio lappone, per l’erede della Ferrari 612 Scaglietti. La nuova granturismo del cavallino rampante è attesa entro breve tempo, circa un paio d’anni. Le dimensionii crescono lievemente rispetto al già imponente modello attuale, collocando la nuova 612 in concorrenza diretta con modelli come Porsche Panamera e Aston Martin Rapide, pur conservando la classica configurazione coupè 2+2 in luogo della recente, atipica formula di coupè a quattro porte. Il prototipo utilizza per ora le sovrastrutture dell’originale Ferrari 612 Scaglietti, consuetudine Ferrari durante lo sviluppo dei nuovi modelli. Ne passato recente, ricordiamo infatti come la Ferrari 458 Italia nelle prime fasi di sviluppo circolasse “vestita” con la carrozzeria della precedente Ferrari F430. Sotto il cofano della nuova 612, il poderoso V12 Ferrari sembra trovare posto a fatica. Alcune voci indicano come causa di questo “affollamento” il primo impiego su vetture di serie del chiacchierato KERS, il sistema di recuper dell’energia cinetica in grado di accumulare e rilasciare energia elettrica utile per fornire un boost di potenza o alimentare i dispositivi di bordo. Altre teorie vorrebbero la nuova Ferrari 612 munita della trazione integrale intelligente elaborata negli ultimi anni da Ferrari. Questa feature spingerebbe le vendite del modello nel florido mercato russo, avido di vetture 4×4 per ovvi motivi climatici anche nei segmenti più lussuosi ed esclusivi del mercato.

ARTICOLI CORRELATI