La nuova gamma Jeep 2018: evoluzione e tradizione

La gamma Jeep, forte di un successo unico nel panorama automotive, si rinnova per il 2018. Ecco come si stanno evolvendo i modelli e cosa dobbiamo aspettarci nel 2022

Jeep è uno dei marchi in maggior ascesa di tutto il panorama automotive. Dal 2014 ha incrementato le vendite del 240% nell’area EMEA e, in America Latina, addirittura del 700%. Prendendo in esame l’Italia, dal 2010 le vendite sono aumentate di 14 volte, numeri sbalorditivi per gran parte dei competitor.

Questa forte inversione di tendenza è dovuta in parte all’indice di gradimento di SUV e Crossover, da sempre campo da gioco di Jeep, ed in parte ad un piano industriale estremamente azzeccato. L’idea portata avanti da Sergio Marchionne era semplice: portare Jeep, marchio premium ed estremamente settoriale, su più livelli e mercati.

Ad oggi quindi troviamo una gamma composta da ben 6 differenti modelli (Renegade, Compass, Cherokee, Grand Cherokee, Wrangler e Wrangler Unlimited) con la prospettiva di offrire una vettura per ogni segmento entro il 2022. Tra le altre novità attese con il (nuovo) piano industriale guidato ora da Mike Manley vedremo anche la variante Plug-In Hybrid su tutta la gamma Jeep, la quale verrà inoltre implementata con guida autonoma di terzo livello.

Jeep Wrangler 2019

Il nuovo Jeep Wrangler 2018. La firma dell’iconica griglia a 7 feritoie e i gruppi ottici circolari caratterizzano un modello che è già un classico

In bilico fra tradizione ed evoluzione, il nuovo corso Jeep riesce ad interpretare le tecnologie moderne in chiave offroad (pensiamo alla telemetria di Jeep Skills) e ad offrire ottimo comfort di viaggio (non mancano infatti gli ADAS) ai quali vengono affiancati motori più prestazionali e meno assetati.  Nel 2018 abbiamo assistito alla più grande trasformazione del marchio dal giorno della sua fondazione Jeep Renegade ha cambiato le regole dei SUV compatti e, con quest’ultimo restyling, presenta migliorie a tutto tondo sia sul piano stilistico che -soprattutto- in termini tecnici.

Stesso discorso per Cherokee, che per l’anno in corso abbandona il suo gruppo ottico piuttosto estremo portato in dote fin’ora a favore di una soluzione più conservativa e, al netto di un’implementazione dei contenuti, troviamo un abbassamento del prezzo. Per chi cerca la natura urbana di Cherokee ad un prezzo più vicino a Renegade c’è Compass, Jeep di lungo corso che offre tutti i vantaggi del crossover all’americana senza rinunciare allo stile tipico del brand.

Jeep Cherokee 2019

L’evoluzione della gamma non ha lasciato indietro i veri punti di forza del marchio come la spiccata predisposizione al fuoristrada e le linee immediatamente riconoscibili

Grande spazio e abitabilità sono invece offerte da Grand Cherokee, SUV di dimensioni generose progettato per affrontare fuoristrada mediamente impegnativi al pari delle trasferte con la famiglia. Ultimo, ma non per questo meno importante, il capostipite della famiglia Jeep. Wrangler (anche nella più generosa versione Unlimited) ha ricevuto un aggiornamento quest’anno e si presenta ancora più affidabile in termini tecnici e maggiormente curata per ciò che concerne tutti i piccoli dettagli che caratterizzano ogni vera Jeep. 

Ad oggi Jeep ha avviato una collaborazione con il brand Mopar, il quale offre e gestisce l’ampia linea aftermarket dedicata a tutta la gamma del marchio statunitense. Personalizzazione, implementazioni tecniche e stilistiche diventano dunque un nuovo modo di vivere la propria auto.

ARTICOLI CORRELATI