Marussia B2

La supercar Marussia B2 viene dichiarata sold out prima ancora di iniziare la produzione, prevista per la primavera 2013. La casa artigianale russa ha ricevuto infatti 500 pre-ordini, che impegneranno per anni lo stabilimento

Marussia B2 sold out tutti i 500 esemplari in pre-ordine
La supercar russa è già un successo prima ancora di venir prodotta. Grazie infatti alla presentazione avvenuta al Salone di Ginevra di una versione intermedia che anticipa il modello destinato alla produzione, la casa automobilistica ha annunciato di aver già esaurito tutti i 500 ordini disponibili in pre vendita. La leggera sportiva verrà costruita a partire dalla primavera 2013.

Concept sportivo, la produzione nel 2013
La casa automobilistica artigianale di origine russa ha dato annuncio dell’ accordo con la Valmet Automotive, gigante industriale Finlandese, per la produzione in serie della super sportiva B2. La Valmet è un colosso produttivo impegnato nei più svariati settori, dalla carta agli aerei, conosciuto nel mondo automotive per aver realizzato in passato diverse vetture per Saab, Renault, Opel e Porsche. La Marussia B2 verrà così prodotta in centinaia di unità all’anno, e nonostante il suo design davvero particolare e molto orientato verso gli eccentrici gusti russi, può già festeggiare le 500 unità vendute, numero molto alto se consideriamo il target e il tempo necessario a realizzare una vettura di questo genere.

Motore V6 da 420 CV
A livello motoristico, la sportiva due posti non sembra offrire enormi prestazioni, è dotata infatti di un propulsore V6 aspirato da 3.5 litri disponibile nelle varianti da 300, 360 e 420 CV. Ma grazie ai suoi soli 1.100 kg di peso l’esotica supercar riesce ad accelerare da 0 a 100 km/h in soli 3.2 secondi, per una velocità massima limitata elettronicamente ai 250 km/h.

Prezzo
La potenza viene trasferita alle ruote posteriori attraverso la gestione del cambio automatico a 6 rapporti. Interessante potrebbe essere il prezzo, che nel 2010 veniva dichiarato attorno ai 100.000 euro, cifra piuttosto bassa rispetto alle principali concorrenti, che potrebbe far gola ad eccentrici collezionisti in cerca di una vettura inedita.

 

ARTICOLI CORRELATI