Tesla Model 3 VS BMW M3: sfida tra generazioni fra vendite e velocità

Mentre Tesla Model 3 si prepara ad entrare nel campo da gioco dei grandi costruttori europei e, nel frattempo, mette le cose in chiaro sul quarto di miglio. Ecco come si è conclusa una sfida contro una BMW M3

Tesla puntava alla luna e ha superato Marte; sulla Terra il paradigma è simile. Mentre la Roadster lanciata con il Falcon X di Elon Musk supera il Pianeta Rosso a nove mesi dal lancio, il terzo trimestre vede finalmente la controversa marca d’auto elettriche chiudere con un utile netto superiore alle più rosee previsioni.

Il merito è dovuto in larga parte alla produzione di Tesla Model 3. Ordini, produzione e consegne hanno avuto le loro (inevitabili) complicazioni, qualcosa da mettere in conto quando si passa al mercato automotive su larga scala. Al momento tuttavia i ritmi di produzione hanno superato la tabella di marcia inizialmente pronosticata dall’eclettico fondatore della società e sembrano in crescita verticale. Male per gli short sellers, bene per i numerosi supporters del marchio.

Ora che Tesla si sta affacciando al mondo reale, quello dei marchi secolari del vecchio continente, la sfida si fa più accesa. Non che lanciare un missile nello spazio fosse stato banale, così come inventare PayPal a vent’anni e progettare un tunnel per viaggi a 1.000Km/h. Ma tant’è.

Dopo Roadster, Model S e Model X, Tesla ha lanciato la Model 3 per abbracciare quella fetta di pubblico che sceglie un premium pragmatico, gli stessi che fino a ieri avrebbero optato per Audi A4, Mercedes Classe C e BMW Serie 3. La Tesla Model 3 si è confrontata proprio con quest’ultima nella più classica delle sfide all’americana sul quarto di miglio.

Se i video con Model S intente a sfidare il gotha delle supercar moderne sono ormai più frequenti, quello che vi proponiamo di seguito mette a confronto le due berline. Il vincitore? Nonostante i soli fruscii ad accompagnare la vittoria della Model 3 la vittoria non è passata così sotto silenzio.

C’è anche da considerare che l’auto elettrica viene venduta a circa la metà del prezzo -stiamo pur sempre parlando di una BMW M3- mentre l’accelerazione bruciante del motore sincrono a magneti permanenti non lascia scampo all’endotermico dell’Elica. C’è da dire anche, per dovere di cronaca, che la berlina bavarese può vantare un sound davvero coinvolgente.

ARTICOLI CORRELATI