Come funziona il tutor in autostrada

Il Tutor è un dispositivo elettronico di monitoraggio in grado di accertare alcune violazioni del codice della strada lungo un tratto autostradale. E' in uso alla Polizia Stradale e vi illustriamo come funziona.

La denominazione Tutor identifica un dispositivo elettronico di monitoraggio in grado di accertare alcune violazioni del codice della strada lungo un tratto autostradale. In uso alla Polizia Stradale, il Tutor rileva la velocità media media di un veicolo lungo un determinato tratto di autostrada riuscendo a identificare chi infrange i limiti in maniera totalmente automatica.

Introdotto a metà anni 2000 e sempre più diffuso nella rete autostradale italiana, il Tutor ha dimostrato sul campo la sua efficacia. Nei tratti dove il Tutor è attivo si registra mediamente una sensibile riduzione del tasso di incidentalità, compresi i sinistri con feriti e incidenti mortali. Vediamo nel dettaglio come funziona il tutor. In sostanza il sistema misura la velocità media di una vettura o di un camion in un tratto autostrada di lunghezza compresa tra 10 e 25 km.

8 Foto

All’inizio ed alla fine del tratto di strada in esame sono collegate delle fotocamere ed una serie di sensori radar ad attivazione automatica: quando la vettura passa il punto A il sensore si attiva immortalando la vettura stessa, la targa e registrando l’orario preciso dell’evento. Il sistema riconosce automaticamente il tipo di veicolo in esame. Una procedura analoga avviene al superamento del punto B, quello che delimita la fine del percorso analizzato. A questo punto un cervello elettronico nella centrale operativa incrocia i dati delle due posizioni rilevando la velocità media del veicolo. Il sistema salva i dati relativi soltanto alle vetture che hanno superato i limiti di velocità. Accertata l’infrazione per eccesso di velocità grazie alla targa, il sistema sfrutta il database della Motorizzazione Civile per identificare il padrone / intestatario della vettura ed avviare le procedure di sanzione. Il Tutor funziona anche di notte ed in presenza di condizioni meteorologiche difficili come nebbia o pioggia.

In conclusione, i tratti autostradali interessati dal Tutor risultano in sostanza più sicuri per l’automobilista grazie alla riduzione media della velocità dei veicoli dovuta al timore di incorrere in una contravvenzione.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someonePrint this page

- Autore Article URL: http://www.infomotori.com/guide/come-funziona-il-tutor-in-autostrada_115949/

Annunci Privati
Vuoi vendere la tua Auto?

Inserisci il tuo annuncio

Gratis