Bugatti Veyron La Finale

Bugatti chiude il ciclo delle 450 Veyron prodotte e lo fa con la Grand Sport Vitesse “La Finale”. Quest'ultimo esemplare, più unico che raro, monta il celebre W16 quadriturbo da 1.200CV e 1.500Nm di coppia che le fa raggiungere i 410 Km/h.

L’ultima del suo genere è in questo caso è anche la prima. Bugatti presenta al Salone di Ginevra 2015 la Veyron 16.4 Grand Sport Vitesse “La Finale”, dopo che il marchio aveva prodotto solamente 300 coupé e 150 convertibili è arrivata all’ultima Veyron.

Una bestia senza mezze misure, prodotta su richiesta in cambio di 2,3 milioni di euro da un ricco estimatore che ha preferito mantenersi anonimo. Completamente avvolta in fibra di carbonio non verniciata, rossa su cofano e tettuccio e nera su passaruota e portiere, Bugatti La Finale ha i colori in negativo della prima Veyron e delle Bugatti storiche anni ’20 e ’30.

Tetto apribile, per coronare la perfezione di questo esemplare unico, oltre agli interni da sogno in cui spicca la scultura in bronzo fuso del Marchio dell’elefante sotto al quale c’è la scritta 450/450, per sottolineare che si tratta davvero dell’ultima Veyron.

Bugatti La Finale è spinta dal famoso quadriturbo da ben 1.200CV e 1.500Nm di coppia, grazie al quale accelera da 0 a 100Km/h in  2,6 secondi e tocca una velocità massima di 410Km/h.  Un pezzo unico sia per quanto riguarda le prestazioni che per l’estrema esclusività di un modello davvero inimitabile. Il Salone di Ginevra si riconferma come uno degli eventi più esclusivi dell’anno, in grado di farci sognare con questi trionfi di tecnica e design.

ARTICOLI CORRELATI