Peugeot 3008

Da 22mila Euro a 31.100 e potenze da 110 a 163cv: ecco il listino per l'Italia relativo al nuovo mid-suv della Casa del Leone. Attesa per l'innovativo sistema di trazione integrale che sfrutta il mix fra il motore termico e quello elettrico

Leggi il nostro test drive della nuova Peugeot 3008!

Peugeot 3008. Comunicati finalmente i prezzi per il mercato italiano del nuovo middle suv di Casa Peugeot che parte dai 22mila Euro dell’allestimento Premium motorizzato con il 1.6 da 122 cv fino ai 31.100 dell’allestimento Outdoor 2.0 16v HDi 163cv FAP con il cambio automatico. Al debutto sul nostro mercato arriverà solo a trazione integrale ma già abbiamo parlato a lungo della versione Hybrid 4 che arriverà puntuale nel 2011.

Già nota dal punto di vista stilistico, nel frontale gli elementi tipici di Peugeot si adattano ai volumi generosi della vettura, pur differenziandosi dall’offerta esistente. I proiettori dalla linea affusolata hanno una espressività rinnovata, dinamica e rassicurante. La grande bocca contribuisce a definire il carattere elegante e da lottatore del veicolo, con la griglia della calandra che richiama il mondo dei SUV. Il fascione paracolpi anteriore rafforza queste sensazioni “off road”, soprattutto grazie ai robusti elementi di protezione neri, in continuità con i gruppi ottici e nei quali si inseriscono i fari fendinebbia, ognuno attraversato da due elementi cromati. Lateralmente, la linea della vetratura, inclinata in avanti, è sottolineata nella parte alta da un elemento cromato, che nei due livelli di allestimento superiori, richiama i gusci dei retrovisori e gli ampi inserti cromati che sottolineano le soglie dei poggiapiedi laterali. Posteriormente, i parafanghi dalla bombatura pronunciata sposano i gruppi ottici color rubino. La presenza di un portellone inferiore del bagagliaio, o le ampie fasce di protezione nere nella parte inferiore, evidenziano lo spirito “Outdoor” della 3008. Questo spirito è ancora più presente nei livelli di allestimento medio e alto della gamma, in cui i fascioni paracolpi anteriore e posteriore sono completati da ricchi inserti in acciaio inox massiccio.

Decisamente innovativo il comparto trazione che sarà disponibile sulla versione integrale dal 2011: per contenere i limiti tipici dei tradizionali 4×4 ma volendo offrire una “quattro ruote motrici”, è stato studiato il sistema HYbrid4: Questo termine si riferisce all’ibridazione di un motore termico con uno elettrico, in cui lo schema meccanico originale permette di disporre delle quattro ruote motrici. Infatti, se il motore termico trova posto sotto il cofano anteriore per muovere le ruote anteriori, quello elettrico è posizionato al livello del retrotreno, sotto la soglia del vano bagagli, con il compito di azionare le ruote posteriori. Un altro elemento importante è l’assenza di organi meccanici tra l’anteriore e il posteriore essendo la gestione elettronica («by wire») evitando inoltre i vincoli architettonici imposti alle dimensioni e allo stile dell’abitacolo.

Per le motorizzazioni diesel HDi FAP previsti il 2.0 litri da 150 cavalli (se abbinato al cambio manuale a 6 marce) o 163 cv (se con il cambio automatico a 6 rapporti “Tiptronic system Porsche”) e il 1.6 da 110 cv (con cambio a 6 rapporti manuale o robotizzato). Nell’ambito dei benzina, troveremo il 1.6 litri turbo a iniezione diretta di benzina da 150 cv con il cambio manuale a 6 rapporti o il 1.6 VTi da 120 cavalli con manuale a 5 marce.

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE