Pubblicato il - Autore Carlo Valente

Skoda Yeti - Prova su strada

Yeti, il primo SUV compatto di Skoda, si arrampica senza problemi ma sa essere anche comfortevole nell'uso cittadino

Vai al Listino Skoda Yeti »

VERONA  – Uno dei pochi a dichiarare di averlo visto è stato l'altoatesino Reinhold Messner, forse il più forte scalatore del mondo, con all'attivo 14 Ottomila. A suo dire, l'avrebbe notato di sfuggita nel 1986 mentre, a grandi balzi, superava ghiacciai e nevai dell'Himalaja. Non sa però spiegare, il barbuto Messner, se avesse le ruote. Yeti, ma non l’abominevole uomo delle nevi, l'abbiamo visto e ammirato anche noi. Anzi, per Infomotori, l'abbiamo anche provato a lungo divertendoci su strade di montagna a ridosso di Verona. Sì, perché Skoda Yeti non è altro che un simpatico SUV compatto con il quale abbiamo scorrazzato in lungo e in largo fra i vigneti di Soave e sulle mulattiere innevate dei Monti Lessini verso Bosco Chiesanuova.

E' stato un piacere mettersi alla guida di questo nuovo mezzo che ha fatto la sua comparsa sul mercato italiano in autunno ma che solo ora, come avviene con quasi tutti i modelli Skoda, viene apprezzato e non solo. Infatti nei primi tre mesi di commercializzazione nel nostro Paese sono stati sottoscritti un migliaio di ordini di Yeti, il 40% dei quali con motorizzazione 1.2 a benzina e il 30% con il propulsore Diesel  da 140 cavalli di potenza. Dice l'amministratore delegato di Skoda Italia Axel Mohr: “Le nostre vetture quando fanno il loro esordio vengono accolte quasi con freddezza. Ma poi, con il passare di un po' di tempo, l'utente italiano riconosce le loro doti e a questo punto è fatta e gli ordini arrivano a pioggia”. Non è stato proprio così nel corso del 2009, un'annata da dimenticare presto per il marchio della Repubblica Ceca in Italia. “Sì – dice sempre Mohr – dopo un 2007 e un 2008 più che scoppiettanti, lo scorso anno ci è piombata addosso una scoppola quasi imprevista e abbiamo perso ordini e quote di mercato. Il nostro obiettivo dell'1% totale è andato a farsi benedire e siamo scesi allo 0,7%. Colpa nostra? Sì, in parte. Perché la nostra Casa non ha creduto nei carburanti alternativi e quindi non siamo stati in grado di inserire in gamma modelli alimentati a Gpl o a metano di fase 2, cioé preparati direttamente dalla fabbrica e quindi non hanno potuto beneficiare del massimo degli incentivi previsti dallo Stato italiano. Ma siamo pronti alla riscossa e sicuri di recuperare il terreno perduto – ha concluso l'amministratore delegato – anche perché nutriamo molta fiducia in Yeti. E poi a giugno saranno disponibili la Fabia, la Fabia Wagon e la Roomster rinnovate. Queste compatte avranno la volata tirata dalla Octavia che ci sta dando grande soddisfazioni”.

Skoda : 3.843135 su 5 basata su 51 voti.

Continua »

Lascia un Commento

Cancella

teodaso il 27/10/2010, 19:11

ho acquistato a maggio 2010 uno yeti 1.200 tsi,dai primi 3000 km,mi sono lamentato con il service skoda del fatto che;perde giri da fermo ai semafori,nella 1a accellerazione si crea un vuoto e poi si riprende,la perdita di giri avviene anche intorno ai 2500 giri,e cosa fanno loro della skoda non mi aiutano a risolvere il problema.....presto me ne sbarazzerò e mai più SKODA!!!!!!!

teodaso il 04/11/2010, 0:53

finalmente skoda mi ha aggiornato la centralina!sembra che i problemi siano risolti!!spero che in futuro siano decisamente più rapidi!!

riccardo il 28/04/2011, 20:29

ma perchè lo intitolate Prova su strada?
parlate solo di Messner e poi fate parlare l'amministratore delegato che ci illustra le strategie di cui sinceramente, ad uno che cerca la prova su strada, non può fregare niente. Siate più precisi, fatelo per la rete!

Concorrenti dello stesso Segmento

Utilizzo dei Cookies Informatici

La presente informativa sui cookie fornisce una panoramica riassuntiva su come Caval Service utilizza i cookie sui propri siti internet.

Consenso all'utilizzo dei cookie

Navigando sul sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie così come descritto da questa informativa. In caso contrario il presente sito non fornità all'utente un corretto utilizzo dello stesso.

Che cookies utilizza Caval Service?

  • Tecnici Utilizziamo solamente cookies tecnici anonimi indispensabili per il corretto funzionamento del sito, per la gestione della sessione e per le funzionalità interne del nostro sistema.
  • Analitici Utilizziamo cookies di terze parti (Google), per analizzare il comportamenti dei visitatori a scopi statistici e in modo assolutamente anonimo. Questo ci aiuta a migliorare continuamente il sito offrendo agli utenti la migliore esperienza di navigazione possibile.
  • Marketing Utilizziamo cookies di terze parti anonimi (Google) per proporre banner pubblicitari in siti esterni per i visitatori del nostro sito.

Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di test che i siti internet visitati inviano al proprio terminale (computer, laptop, smartphone, tablet), dove vengono memorizzati. I cookie vengono salvati nella directory del browser. Ad ogni visita successiva del sito in questione, il browser invia nuovamente i cookie al sito stesso, in modo che quest'ultimo riconosca il terminale, migliorando così l'esperienza di utilizzo dell'utente ad ogni successiva visita del sito.

Per approfondire vi invitiamo a leggere la pagina wikipedia di riferimento: Cookie (Wikipedia)

Alte informazioni posso essere trovate ai siti www.allaboutcookies.org e www.youronlinechoices.eu

Gestione dei cookies

I cookies possono essere eliminati o modificati direttamente dal browser dell'utente. Il visitatore ha il pieno controllo dei cookies e sul loro utilizzo. Ricordiamo che disabilitando i cookies non sarà possibile accedere alla corretta visualizzazione e utilizzo del sito.

Rimandiamo alle guide dei browser più usati per conoscere le varie modalità di gestione dei cookies:

Il Team Caval Service