Maserati GS Zagato

Sognare non costa nulla

Maserati GS Zagato. Ci sono Marchi che portano nel loro nome, un’esclusività assoluta: fatta di vere e proprie opere d’arte frutto di abili designer ed artigiani. Già poter annoverare, nel proprio parco macchine, vetture del genere, è di per sé un ottimo motivo per svegliarsi con il sorriso. Ci sono persone, però, che domandano quel qualcosa in più. Il fatto che solo altre persone possano condividere questa esclusività, rende il “giocattolo” insapore.
E’ per loro che esistono carrozzieri come Zagato: veri e propri artisti della lamiera, che forgiano pezzi unici per eccentrici, ma soprattutto ricchi, appassionati. Ad un anno esatto dall’ultima creazione, la Ferrari 575 GTZ, Zagato torna al concorso d’eleganza di Villa d’Este, con un’altra anteprima mondiale: la Maserati GS Zagato. L’obiettivo di Zagato Milano, è quello di creare oggetti che celebrino modelli e marchi prestigiosi e che siano, soprattutto, destinati a durare per sempre. E’ per questo motivo che Zagato rimette mano ad un suo vecchio amore, la storica Maserati A6 G Zagato del 1954: un vero e proprio oggetto di culto per i collezionisti.
Come fu per la progenitrice, anche questa Maserati GS Zagato, sfrutta una carrozzeria interamente in alluminio su cui si incastonano il simbolo del tridente e la “Z”, inconfondibile binomio tutto italiano. Sotto l’elegante abito d’alta sartoria, dimora la meccanica di una Maserati GranSport Spyder, con il suo potente V8 4.2 da 400 CV e tutta l’anima e la grinta tipica della Casa del Tridente.
Per vederla bastava andare al concorso d’Eleganza di Villa d’Este, ma a tutti quelli che non hanno potuto presenziare, Infomotori.com ha dedicato una ricca e fornita photogallery oltre che, ovviamente, l’ormai immancabile Web TV!

ARTICOLI CORRELATI