Niki Lauda in gravissime condizioni: trapianto polmonare per l’asso della F1

Niki Lauda sta lottando tra la vita e la morte in seguito ad un trapianto polmonare in una clinica di Vienna. Il 3 volte iridato ha 69 anni e si porta appresso uno dei peggiori incidenti che la storia della Formula 1 possa ricordare

Niki Lauda, tre volte campione del mondo di Formula 1, sta lottando tra la vita e la morte in seguito ad un complesso trapianto polmonare all’età di 69 anni. L’ex ferrarista vanta una delle carriere più impressionanti degli anni d’oro della F1, della quale porta le cicatrici ancora oggi. Sono passati 42 anni e poche ore da quel 1 agosto 1976, quando Lauda fu vittima di uno degli incidenti più brutali che il circus possa ricordare.

Il circuito è il Nurburgring, l’auto una Ferrari 312 T2. Niki Lauda perse il controllo della vettura in uscita di curva, trovandosi scaraventato contro le barriere del circuito. Rimase intrappolato tra le fiamme della sua monoposto per un tempo incalcolabile tentando di sopravvivere in quello che a molti sembrò essere un capolinea.

Ne uscì sfigurato in volto e seriamente intossicato, ma questo non gli impedì di vincere il titolo l’anno successivo e di replicare più avanti nel 1984. Niki Lauda ad oggi è il presidente onorario delle Frecce d’Argento, il Team Mercedes di Formula 1. Gli strascichi dell’incidente hanno però costretto il pilota austriaco a sottoporsi ad una lunga serie di cure nel corso degli anni, tra cui due trapianti di reni.

Secondo quanto si legge sui maggiori quotidiani, Lauda avrebbe sottovalutato un’influenza manifestata durante le vacanze di famiglia ad Ibiza. L’ex pilota quindi si è ritrovato costretto a rientrare in patria in tempi serrati a bordo di un jet privato, per poi passare diversi giorni in rianimazione. Una volta stabilizzate le sue condizioni, Niki è stato portato alla clinica Akh di Vienna, dove il primario Walter Klepetko ha eseguito il trapianto di polmoni. “Chiediamo rispetto per la privacy della famiglia Lauda– ha informato la clinica –per questo motivo non ci sarà uno statement ufficiale.”

Tutto il Team di Infomotori augura a Niki Lauda, alla famiglia e agli amici un pronto recupero.

ARTICOLI CORRELATI