peugeot – 307

la Casa del Leone offre di serie una ricca dotazione di sicurezza attiva e passiva che include ABS (Bosch 5.3) con ripartitore della frenata EDB, controllo della trazione, controllo elettronico della stabilità, quattro airbag e poggiatesta attivo. Come sulla 607, in caso di brusca decelerazione, scattano automaticamente le luci d’emergenza per allertare chi ci segue che si sta frenando bruscamente. Un equipaggiamento di gran classe quindi per la nuova 307 che rivoluziona il concetto di berlina attraverso le sue stesse dimensioni.

Peugeot 307. La 206 mette su centimetri e si trasforma in 307 per poter sfidare Astra, Golf e Focus, giocando la carta dello spazio interno, tanto da sembrare quasi una monospace compatta. In vendita da maggio con una gamma basata su due motorizzazioni benzina plurivalvole 1600 e 2000 ed altrettanti turbodiesel 2000 e 2100, la 307 vanta un prezzo d’ingresso inferiore ai 30 milioni. Per pararsi dalle critiche giunte sulla stabilità della 206 CC, la Casa del Leone offre prudentemente di serie una ricca dotazione di sicurezza attiva e passiva che include ABS (Bosch 5.3) con ripartitore della frenata EDB, controllo della trazione, controllo elettronico della stabilità, quattro airbag e poggiatesta attivo. Come sulla 607, in caso di brusca decelerazione, scattano automaticamente le luci d’emergenza per allertare chi ci segue che si sta frenando bruscamente. Un equipaggiamento di gran classe quindi per la nuova 307 che rivoluziona il concetto di berlina attraverso le sue stesse dimensioni: 420 centimetri di lunghezza per 173 centimetri di larghezza e soprattutto 151 di altezza (avvicinandosi dunque ai 155 dell’Audi A2 ed ai 160 della Classe A). Praticamente una monovolume! Rispetto alla precedente 306 si è allungata di ben 17 cm. Sul versante delle prestazioni segnaliamo che il 1.600 16v eroga 110 CV consentendo una velocità massima di 190 km/h ed uno scatto da 0 a 100 km/h in 11,6 secondi, mentre il due litri 16v raggiunge i 205 km/h e scatta in 9,8 secondi. Brillanti e performanti pure i due turbodiesel common rail (2000 da 90 CV che sfiora i 180 km/h e chiede 13,6 per giungere a 100 km/h ed un 2100 da 110 CV di cui Peugeot cela ancora i dati!). Inizialmente tutti i propulsori sono abbinati ad un cambio manuale, mentre l’automatico dovrebbe giungere a cavallo fra 2001 e 2002. Queste motorizzazioni possono essere richieste sia sulla 307 a tre che a cinque porte coniugandosi su diversi livelli di allestimento. Consumi infine non ai vertici della categoria a causa della stessa altezza che innalza sia il comfort di guida che i litri di carburante richiesti senza però giungere a livelli preoccupanti, specie coi due Diesel.

ARTICOLI CORRELATI