Peugeot RC

Non paga della 307 SW, la Casa del Leone porta a Ginevra un’altra “bomba” denominata “RC”. Una seducente coupè 2+2 spinta con motori benzina e persino turbodiesel da ben 175 CV.

Peugeot RC. Non paga della 307 SW, la Casa del Leone porta a Ginevra un’altra “bomba” denominata “RC”. Una seducente coupè 2+2 da far girare la testa, spinta con motori benzina e persino turbodiesel da ben 175 CV con erformance da vera GT. La vitalità di Peugeot è ormai alle stelle, al pari del suo fatturato in crescita esponenziale, grazie soprattutto ai successi che sta riscuotendo con 206 e 307. Proprio quest’ultima arriva a Ginevra in versione lunga, ma in occasione della rassegna elvetica la Casa del Leone conferma ulteriormente la propria creatività, proponendo una concept car davvero intrigante che speriamo possa presto trasformarsi in realtà. Dalla prima foto ufficiale infatti promette molto bene, visto lo stile davvero valido. RC è una coupè 2 + 2 caratterizzata da un look decisamente aggressivo quanto innovativo, con tratti “felini” che ne esaltano la stessa dinamicità . E’ prodotta con materiali assai diffusi in Formula 1, come le fibre di carbonio ed acciai super leggeri e resistenti (senza trascurare l’alluminio ed i materiali compositi), che hanno permesso da un lato di ridurre il peso e dall’altro assicurare la massima sicurezza passiva. Giusto per non scendere a compromessi neppure sul versante cromatico, la RC sarà esposta a Ginevra in due tinte “forti” che caratterizzano le varianti denominate “Spades” e “Diamonds”: rosso o nero con interni da vera top car, caratterizzati da abbinamenti decisamente esclusivi in cui la pelle regna sovrana; il posto guida è da vera GT, con sedili ad elevato contenimento laterale. La RC Spades è spinta da un 2 litri benzina in grado di erogare 180 CV, mentre la Diamonds monta un sorprendente turbodiesel 2200 16 V da ben 175 CV, con soluzioni estremamente avanzate per contenere le emissioni dei gas di scarico. Entrambe le versioni possono scattare da 0 a 100 orari in appena 6 secondi e raggiungere una velocità massima vicina ai 240 km/h. L’elettronica regna sovrana sulla RC, che vanta una cambio a sei marce elettro-idraulico abbinato a tuti i più moderni sistemi di controllo di stabilità e trazione.

ARTICOLI CORRELATI