Suzuki Liana 1600 16V

Disponibile in due versioni 2 o 4 ruote motrici, cambio manuale, vanta un equipaggiamento degno di lode, comprendendo anche doppio airbag anteriore, climatizzatore e ABS con EBD, segnalando che troviamo pure agli aribag laterali anteriori sulla versione 4x4.

Suzuki Liana 1600 16V. Già a Ginevra non aveva sedotto per le sue linee, ma non era certo dispiaciuta per originalità e funzionalità, sapendo inoltre che sarebbe stata venduta ad un prezzo assai competitivo. Stiamo parlando della Liana il cui nome significa “Life In A New Age” (vita in una nuova era). La nuova era ravvisata da Suzuki è un’epoca in cui il rapporto tra l’auto ed i propri utenti è forte e soddisfacente.
Suzuki Liana è il risultato di un connubio tra l’abitabilità di un monovolume, lo spazio di una station wagon e la classicità di una berlina. Suzuki è infatti famosa per ricavare il massimo spazio da dimensioni esterne contenute come insegnano le sue fuoristrada.
Solo 1600 benzina L’applicazione di questa speciale abilità ha dato luogo ad un veicolo efficiente dal punto di vista dello spazio, con un abitacolo ampio ed arioso ed un bagagliaio profondo. Scartato fortunatamente il troppo quieto 1300, la Liana si presenta unicamente con un motore a benzina di nuova generazione 1.6 litri, 16V da 103 CV, doppio albero a camme, parco nei consumi, che mette sempre a disposizione una buona riserva di coppia e di potenza. Qualche dato? 170 km/h di velocità massima e 7,1 litri ogni 100 km nel ciclo combinato. Il design non sarà sconvolgente, ma certamente affusolato se pensiamo che vanta un eccellente coefficiente di resistenza aerodinamica (pari a 0,27) ed una valida silensiosità di marcia, ottenuta grazie all’ adozione combinata di accorgimenti insonorizzanti che hanno ridotto il rumore e le vibrazioni.
2×4 o 4×4 Disponibile in due versioni 2 o 4 ruote motrici, cambio manuale, vanta un equipaggiamento degno di lode, comprendendo anche doppio airbag anteriore, climatizzatore e ABS con EBD, segnalando che troviamo pure agli aribag laterali anteriori sulla versione 4×4. Sebbene molto compatta, Liana offre spazio per cinque adulti, includendo un ottimo spazio sopra la testa grazie all’altezza del padiglione, abbondante per le spalle, grazie alla verticalità dei montanti delle portiere, e diversi centimetri per le gambe. I sedili anteriori sono confortevoli e forniscono perfetto supporto e tenuta, ricordando che quello del conducente è regolabile in altezza ed è dotato di supporto lombare.
Tutto ciò, combinato con il volante regolabile in altezza e la corretta pedaliera, consente di guidare in pieno comfort sia a persone alte che meno alte. I colori scelti per l’abitacolo sono coordinati a quelli della carrozzeria, trovando quindi interni grigi per l’Argento metallizzato, per il Bianco e per il Nero metallizzato; interni beige per il Bordeaux metallizzato e per il Verde scuro metallizzato. Un bagagliaio lungo 78 cm, largo 130 e alto 87, abbinato alla modularità degli schienali dei sedili posteriori ed a diversi vani portaoggetti, permettono di caricare facilmente qualsiasi tipo di bagaglio.
Motore brillante ed ecologico Liana, come già ricordato, è disponibile esclusivamente con un motore benzina di nuova concezione da 1,6 litri, 16V, doppio albero a camme, completamente in alluminio, che garantisce un’ottima combinazione di potenza (76 kW), guidabilità, silensiosità e risparmio di carburante. Inoltre, questo motore possiede requisiti superiori a quelli prescritti da tutte le attuali norme europee relative alle emissioni di CO2, garantendo un notevole risparmio di carburante. Il cambio manuale, leggero e compatto, lavora con una frizione a comando idraulico che garantisce semplicità di funzionamento e non richiede manutenzione.
Sicurezza La sicurezza per Suzuki non è mai un optional, rimarcando che Liana è dotata di una scocca robusta e leggera che racchiude una cellula di sopravvivenza rigida, protetta con materiali ad assorbimento d’urto e vaste zone a deformazione progressiva, barre laterali antintrusione, terza luce stop, pretensionatori per le cinture di sicurezza anteriori e uno speciale dispositivo di aggancio nel sedile posteriore per l’ancoraggio dei seggiolini di sicurezza per i bambini.
4×4 da 32,9 milioni La versione 4×4 fornisce una sicurezza maggiore su percorsi con scarsa aderenza o in caso di cattive condizioni atmosferiche e monta di serie cerchi in lega da 15″. In abbinamento alla versione 2 ruote motrici da settembre 2001 sarà quindi disponibile anche la versione 4 ruote motrici, con un sistema di trazione integrale permanente progressiva, che fornisce una trazione maggiore su strade sdrucciolevoli ed in caso di cattive condizioni atmosferiche. Questo sistema di trazione utilizza un giunto viscoso per trasmettere la coppia motrice alle ruote posteriori quando necessario, consentendo così veloci partenze da fermo, un’accelerazione morbida e rapida ed una buona stabilità direzionale su superfici scivolose oltre ad un consumo di carburante minore rispetto alle normali trazioni permanenti. Ricordiamo nuovamente i prezzi che vanno dai 28,9 milioni della due ruote motrici e ai 32,9 della 4×4.

ARTICOLI CORRELATI