Volkswagen ID R da record alla Pikes Peak mentre in Cina si amplia la Mega-Fabbrica

L'elettrica Volkswagen ID R di Romain Dumas trionfa alla Pikes Peak con 16 secondi di vantaggio sul record precedente stabilito da Sebastian Loeb. Allo stesso tempo, in Cina, la fabbrica di Foshan è stata amplianta in vista dell'espansione elettrica che caratterizzerà i prossimi anni. L'industria sinica, in breve tempo, sta conquistando le più alte vette del mercato globale.

Quel che è successo sulla cosiddetta salita alle nuvole, meglio nota come Pikes Peak è la consueta miglior rappresentazione di quanto sia magico il mondo del motorsport. Quello che sembrava inavvicinabile, il record firmato dalla Peugeot di Sebastian Loeb, non solo è stato avvicinato ma addirittura battuto, e nemmeno di poco. A infrangerlo con margine è stato il prototipo elettrico ID R dei tedeschi di Volkswagen.

La vettura ha letteralmente sbriciolato il record del francese di addirittura 16 secondi. Un risultato pesante, raggiunto non solo grazie alle doti di guida dell’eclettico pilota francese Romain Dumas, innegabili quanto mai estreme, ma anche – e forse soprattutto – per le qualità tecniche della vettura di Wolfsburg.

A muovere la Volkswagen ID R ci pensano infatti due motori elettrici da ben 250 kW o, se siete affezionati alle vecchie diciture, per una potenza complessiva di
addirittura 680 CV. Un’operazione, quella organizzata dai tedeschi di Volkswagen in terra americana, che ha tutta l’aria di essere una piccola inversione di tendenza mediatica. La Pikes Peak è infatti una delle gare automobilistiche più seguite negli Stati Uniti e la vittoria di una vettura della casa di Wolfburg, per di più con un modello a zero emissioni e alla
luce degli ultimi fatti di cronaca legati al Dieselgate, ha avuto senz’altro un impatto positivo.

Parentesi di gloria anche per il nostro Paese poi, considerato che la  Volkswagen ID R che ha portato a casa il record di Pikes Peak ha sfoggiato una bella carrozzeria italiana realizzata dalla YCOM di Parma. Come italiano, è anche lo studio che ha coinvolto l’aerodinamica della Volkswagen ID R, realizzato nella galleria del vento della Dallara.

Nel frattempo a Foshan, in Cina, Volkswagen sta ampliando la propria mega-fabbrica costruttiva in vista dello sviluppo sul fronte elettrico che vivremo nei prossimi anni. Non è un mistero infatti che la Cina giocherà da protagonista, confermandosi come il più grande mercato mondiale sull’automotive.

ARTICOLI CORRELATI