Suzuki Katana protagonista della mostra “Smart City: People, Technology & Materials”

Tra i punti di forza della Suzuki Katana ci sono il telaio robusto, le sospensioni regolabili di prima qualità, l’impianto frenante con pinze anteriori ad attacco radiale Brembo e un belò motore da 150 CV

Suzuki Katana sarà protagonista di Smart City: People, Technology & Materials, la mostra evento ideata e organizzata da Material ConneXion Italia, in programma fino al 14 aprile presso il Superstudio 13 di Milano e che farà idealmente da ponte tra la Digital Week e la Design Week. Ma non solo: la moto giapponese, dal 9 al 14 aprile, sarà sotto i riflettori di una seconda installazione negli spazi del Materials Village, sempre in zona Tortona a Milano.

Suzuki Katana: tecnologia ed emozioni a due ruote 

In attesa di debuttare nelle concessionarie, la Suzuki Katana sarà la protagonista della mostra Smart City: People, Technology & Materials, in programma a Milano fino al 14 aprile presso il Superstudio 13 di Milano. Questa manifestazione, che fa da raccordo tra la Digital Week (che ha chiuso i battenti domenica 17 marzo) e la Design Week (in programma dal 9 al14 aprile) ha come tema ispiratore una città del futuro, in cui la tecnologia migliora il vivere quotidiano ed è uno strumento di simbiosi ed empatia, in uno scenario di crescita e innovazione. Proprio i valori che hanno portato alla realizzazione di Katana, scelta come esempio di tecnologia presente sì ma anche futuribile.

Questo modello non vuole essere solo un semplice mezzo di trasporto, ma un vero e proprio modo per esprimere sé stessi, così come lo era la spada degli antichi guerriero giapponesi. Insomma, chi sceglie Katana vede in lei una sorta di estensione naturale del proprio corpo e in grado di regalare forti emozioni. Come fece già la prima Katana Suzuki, la nuova serie punta a stravolgere le regole, abbinando tecnologia ed emozioni. Tra i punti di forza ci sono il telaio robusto e le sospensioni regolabili di prima qualità, l’impianto frenante di pregio assoluto, con pinze anteriori ad attacco radiale Brembo e un evoluto sistema antibloccaggio ABS Bosch. Ma una moto si sceglie anche per il propulsore e qui c’è da leccarsi i baffi con un motore da 150 CV abbinato a dispositivi Suzuki Easy Start System e Low RPM Assist che facilitano avviamenti e partenze.

ARTICOLI CORRELATI