Alfa Romeo Mito Spider – Rendering

Sognare non costa nulla: vi proponiamo la nostra Alfa Mito Spider, due posti secchi all'italiana per contrastare Audi TT Roaster e BMW Z4

Alfa Romeo Mito Spider – Rendering. Dopo l’ottima Alfa Romeo Mito Cabrio pubblicata qualche tempo fa sulle pagine di Progetto 955.it, non abbiamo resistito: anche dalle parti di Infomotori la voglia di sognare una “variazione sul tema” in materia di Alfa Mito è stata irresistibile. Signore e signori ecco a voi Alfa Mito Spider, un’aggressiva roadster due posti secchi leggera e sportiva, capace di sfidare le rivali più blasonate sicura del suo fascino. Ci è piaciuto immaginarla così, semplice ed emozionale: il tetto è in tela, niente sofisticate cinematiche elettromeccaniche a movimentare pesanti tetti in metallo. Sotto il cofano? che domanda, il brutale 1.8 turbo Multiair da 230 cavalli, ovviamente. Abbinato magari al sofisticato differenziale Q2 per scaricare a terra nel migliore dei modi i succitati 230 puledri. L’assenza del tetto valorizza ancor di più gli ampi passaruota della Mito, mentre la livrea bianca, tanto di moda oggi, è allo stesso tempo un richiamo a leggendarie spider italiane degli anni ’60 come la mitica Alfa Romeo Duetto “osso di seppia”. Particolare vezzoso quanto riuscito è l’idea del designer di “verniciare” virtualmente parte del fascione anteriore della Mito in tinta contrastante con la carrozzeria. La bocca nera dona un tocco di personalità in più alla nostra Mito Spider. Al posteriore trovano posto meravigliosamente quattro scarichi tondi, con la promessa di un sound entusiasmante. Il risultato ci sembra elettrizzante, voi cosa ne pensate?

ARTICOLI CORRELATI