Lancia Thesis 2.4 JTD e 3.2 V6

2400 JTD Multijet da 175 CV e 225 km/h Su strada Lancia Thesis assicura il comportamento che ci si aspetta da una grande berlina di prestigio. I suoi motori, infatti, offrono ottime prestazioni. Performance che da oggi sono destinate a migliorare ancora, grazie all’adozione del 2.4 JTD 20 valvole. Rispetto al 10 valvole di pari […]

2400 JTD Multijet da 175 CV e 225 km/h Su strada Lancia Thesis assicura il comportamento che ci si aspetta da una grande berlina di prestigio. I suoi motori, infatti, offrono ottime prestazioni. Performance che da oggi sono destinate a migliorare ancora, grazie all’adozione del 2.4 JTD 20 valvole. Rispetto al 10 valvole di pari cilindrata, il nuovo propulsore è più potente. Eroga, infatti, 175 CV (129 kW) a 4000 giri/min, vale a dire il 16% di potenza in più. E soprattutto garantisce un notevole incremento della coppia massima: 380 Nm (38,7 kgm) a 2000 giri/min nella versione con cambio manuale (contro i 305 Nm-31kgm a 1800 giri/min del 2.4 JTD 10v); 330 Nm (33,6 kgm) a 1750 giri/min in quella con cambio automatico autoadattativo sequenziale. Poter disporre di una coppia così alta già dai bassi regimi, significa per l’ammiraglia Lancia poter offrire una piacere di guida ancora maggiore. Migliorano, infatti, l’elasticità e la guidabilità della vettura (in particolare con il cambio automatico, che esalta la fluidità di marcia), grazie anche a una diversa calibrazione del controllo elettronico del turbocompressore. E aumentano pure le prestazioni. I numeri parlano chiaro:
– 30,8 i secondi necessari per coprire il chilometro da fermo, con il cambio meccanico (31,2 con quello automatico); – 225 km/h di velocità massima (220 con il cambio automatico); – 9,8 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h (10,2 con il convertitore automatico). Migliori performance non significano maggiori consumi. Nel ciclo combinato l’ammiraglia fa registrare 7,5 l/100 km nella versione con il cambio manuale e 8,8 in quella Comfortronic; in quello urbano 9,8 (12,1 con il cambio automatico) e in quello extraurbano rispettivamente 6,2 e 6,9 l/100 km.
A questi vantaggi si aggiunge una maggiore silenziosità nella fase di riscaldamento, percepibile in particolare quando il clima è rigido. Senza contare che il nuovo propulsore riduce le emissioni, pur non adottando sofisticati dispositivi di trattamento dei gas di scarico.
Ai preconcetti di chi ancora ritiene i motori diesel rumorosi, fumosi e poco brillanti il nuovo motore, dunque, risponde con una silenziosità ai vertici della categoria (l’indice di articolazione a 120 km/h è dell’82%), dimostrandosi rispettoso dell’ambiente e con ottime doti di ripresa. Ancora più fluido, elastico e progressivo del precedente JTD, fa della Lancia Thesis non solo una grande stradista ma anche un’auto agile e maneggevole. Doti non proprio usuali in questo genere di vetture. È il propulsore ideale, dunque, per chi si sposta sovente e vuole una vettura confortevole e lussuosa per viaggiare con la stessa piacevolezza di guida di un motore a benzina.
3200 V6 24 valvole da 230 CV e 240 km/h. Arriva su Lancia Thesis anche un brillante 3.2 V6 24v. Derivato dal 3.0 V6 24v che equipaggia l’attuale versione al top della gamma, il 3,2 litri si adatta in modo perfetto a Lancia Thesis, dando luogo a una grande berlina di lusso del tutto omogenea per abitabilità, comfort e prestazioni. Si tratta di un propulsore vigoroso e, soprattutto, “rotondo” – come si conviene a un sei cilindri – che si distingue per le sue doti di potenza e di elasticità, quest’ultima esaltata dal convertitore del cambio automatico a 5 marce. Sprigiona, infatti, 230 CV (169 kW) a 6200 giri/min, con una coppia massima di 289 Nm (29,4 kgm) a 4800 giri/min. Quanto basta a ottenere all’occorrenza performance notevoli, con una curva di coppia che raggiunge valori elevati già ai bassi regimi.
Ma ciò che più conta è il delicato lavoro svolto dai tecnici per ottenere da questo propulsore il tipo di prestazioni che ci si aspetta da una Lancia. Un affinamento realizzato attraverso tanti piccoli cambiamenti, con lo scopo di ottenere un’erogazione di potenza estremamente dolce e progressiva, senza scossoni né in “tiro” né in “rilascio”. A tutto vantaggio della fluidità di marcia. Per ottenere questo risultato sono stati rivisti più particolari: dal comando dell’acceleratore ai tempi di iniezione e di accensione. Anche perché l’aumento di prestazioni non può mai andare a discapito dei consumi, che devono rispettare norme sempre più severe. Nell’insieme, perciò, Lancia Thesis 3.2 V6 si distingue per la grande piacevolezza di guida. La sua velocità massima è di 240 km/h; 8,8 i secondi per passare da 0 a 100 km/h. Nel ciclo urbano consuma 22,7 l/100 km, in quello extraurbano 10,3 e nel combinato 14,9.
Equipaggiata con questo propulsore, dunque, l’ammiraglia Lancia è l’auto giusta per chi desidera avere grandi prestazioni, ma in assoluta scioltezza. Per coloro che, anche sulla strada, non amano essere secondi a nessuno. Per chi può innamorarsi di una vettura bella e lussuosa anche per l’inconfondibile timbro del suo motore.

ARTICOLI CORRELATI