Nuova Toyota Prius

Debutto a Detroit per la terza generazione della Toyota Prius. La nuova ibrida riduce ancora i consumi migliorando le prestazioni ed è sempre più atteso il confronto con Honda Insight.

Nuova Toyota Prius. Finalmente possiamo ammirare la nuova Toyota Prius. Presentata al Naias di Detroit, la prima ibrida comparsa sul mercato giunge alla terza generazione con un look inedito, più dinamico che mai. La nuova Prius deriva dalla concept Hybrid X: una sorta di filante monovolume per quattro persone, caratterizzata da sbalzi ridotti e ampie superfici vetrate. Accessibilità da record grazie all’apertura a libro delle portiere e all’assenza dei montanti centrali. Le luci sia anteriori che posteriori adottano la tecnologia LED, mentre i cerchi sono da ben 20 pollici. L’interno è votato al minimalismo ed è composto da materiali riciclabili. La terza generazione della Toyota Prius è attesa negli showroom nordamericani e giapponesi per fine primavera, in Europa arriverà successivamente. Offre una serie di funzioni aggiuntive e migliorate rispetto al modello attuale che vanno dal tetto con pannelli solari installati ai quattro diverse possibilità di guida, in più anche l’IPA (Intelligence Parking Assist) per i parcheggi. Per sfruttare pienamente l’aerodinamica gli ingegneri Toyota hanno analizzato attentamente ogni superficie esterna abbassando di molto il coefficiente di penetrazione aerodinamica arrivando a 0.25Cd, uno dei valori più bassi per le auto in produzione oggi. L’altezza è la stessa del modello attuale, ma è stato alterato il profilo del tetto che, sottolineando la parte posteriore, garantisce una migliore aerodinamicità. Anche sotto il cofano si nascondo, ovviamente, delle grosse novità, sempre con una attenzione particolare a emissioni e consumi. In particolare il motore è un 1.8 quattro cilindri a ciclo Atkinson. Il ciclo Atkinson, nello specifico, è un comune motore a quattro tempi con la valvola d’aspirazione a chiusura ritardata, il che incrementa l’efficienza a scapito della potenza. Questa perdita di potenza è compensata dai motori elettrici, usati sia in combinato sia indipendentemente dal motore a scoppio. Il nuovo motore rende più coppia anche a partire dai bassi regimi ed impiega meno carburante. Il 1.8 sviluppa 98cv e 142nm di coppia, che portano l’auto da zero a cento in 9,8 secondi. Il pannello multifunzione integrato invece permette di gestire le tre modalità disponibili: solo a motore, solo a batteria o entrambi. La trazione sfrutta invece l’evoluto Hybrid Synergy Drive, cioè l’ibrido secondo Toyota. Una perfetta integrazione fra il motore elettrico, quello termico ed il cambio di velocità: questo è il segreto del successo di questo sistema, economico innanzitutto perchè riduce al minimo le perdite. A tale risultato collabora anche l’attento studio dell’aerodinamica, spesso trascurato in favore del design fine a se stesso.

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE