Peugeot 307 SW: Test Drive

Provata a Parigi l’auto dell’anno 2002 in abito lungo. Brillante, maneggevole e funzionale. Da 18.290 euro. All'interno il video!

Peugeot 307 SW: Test Drive. L’auto dell’anno 2002 si mette l’abito lungo e le vendite cominciano già a fioccare. Dopo il suo debutto in società in occasione del Salone di Ginevra, insieme all’altrettanto seducente 206 SW, la 307 SW è già nelle concessionarie. Infomotori ha potuto provarla in anteprima nelle verdi campagne a poca distanza da Parigi, testandola sia nel percorso misto che in autostrada, senza disdegnare tratti urbani, traendone dei giudizi decisamente positivi. Il “progetto 307” faceva certamente supporre che anche la versione “lunga” non avrebbe tradito le aspettative e così è stato. Nel segmento C si sta assistendo ad una forte crescita delle monovolume, ad una sostanziale tenuta delle wagon ed ad un costante calo delle berline a 3 e 5 porte. Peugeot ha voluto quindi dimostrare la propria creatività proponendo una SW che sta a metà strada fra una wagon ed una monospace: la 307 SW offre infatti una incredibile luminosità grazie al tetto panoramico, una abitabilità da primato potendo accogliere fino a sette persone e consentendo di spostare i sedili a proprio piacere. Giusto per non creare malintesi, Peugeot ha già annunciato che arriverà presto una vera wagon, che risponderà al nome di “break”. Plancia e strumentazione sono le stesse delle sorelle a 3 e 5 porte. La vettura ha un passo di 2,71 metri, con sbalzi anteriore e posteriore rispettivamente di 0,88 e 0,83 metri. Vanta un’altezza di 1,53 m, una lunghezza di 4,42 ed una larghezza di 1,75, con un volume di carico assai prossimo ai 560 decimetri cubici, ricordando che è possibile rimuovere totalmente i sedili della seconda e terza fila. Lo sbalzo posteriore è cresciuto di 11 cm, la lunghezza totale di 21 e l’altezza di 2 cm (senza considerare i mancorrenti).
Motore e Tecnica Per la 307 SW sono disponibili quattro motorizzazioni, due a benzina e due turbodiesel HDi. I motori a benzina sono un 1.6 cc da 80 kW (110 CV) e un 2.0 cc da 100 kW (138 CV) accreditati di una velocità di punta rispettivamente di 182 e 200 km/h, con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 11.5 o 9.5 secondi; consumi urbani di 9,9 litri per 100 km il millesei e 11,5 l/100 km il duemila. I due turbodiesel invece hanno entrambi una cilindrata di 2.0 litri ma diverse potenze: 66 kW (90 CV) o 79 kW (110 CV), quest’ultimo dotato del filtro antiparticolato F.A.P.). Le rispettive velocità di punta sono 174 km/h e 183 km/h, con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 13.3, o 11.3 secondi. Inoltre i consumi urbani sono di 7,1 o 7,2 litri per 100 chilometri. Le sospensioni della 307 SW sono di tipo McPherson anteriori e a traversa deformabile posteriormente. Il servosterzo è elettroidraulico. Previsto inoltre il sistema ESP che associa diverse funzioni: ABS, ripartizione elettronica della frenata, antipattinamento e controllo dinamico della stabilità.
Modularità e Funzionalità Concepita per la massima flessibilità d’uso, la 307 SW propone diverse soluzioni originali: due sedili anteriori regolabili sia lateralmente, sia in altezza che in profondità. Inoltre i tre sedili della seconda fila sono scorrevoli, reclinabili e ripiegabili a tavolino o a portafoglio, ma possono anche essere spostati sulla terza fila e in assenza del sedile centrale sono riposizionabili al centro. Rispetto alla berlina 307, il passo è aumentato di 10 cm a tutto vantaggio dell’abitabilità, segnalando che la nuova 307 station wagon può accogliere fino a sette passeggeri, con una disposizione modulabile dei sedili Infine i sedili supplementari sulla terza fila sono anch’essi ripiegabili, reclinabili e smontabili. Con quasi un centinaio di possibili configurazioni, la nuova 307 SW consente molteplici possibili scenari a bordo, in grado di soddisfare le esigenze di utilizzo nel tempo libero, ma anche nei tragitti quotidiani e persino il trasporto di oggetti più o meno voluminosi.

ARTICOLI CORRELATI