Porsche Cayenne Hybrid

Il gigante ibrido

Porsche Cayenne Hybrid. A volte Porsche anticipa il trend del mercato del lusso sportivo, in questo caso però semplicemente vi si adegua, proponendo quindi una versione ibrida del gigante Cayenne. Lexus con la sua serie “h” si è già autoproclamata pioniera delle ibride di grossa taglia, ma proposte e progetti simili ormai giungono da varie Case automobilistiche di tutto il mondo. Il dibattito mondiale sul clima e l’inquinamento e i provvedimenti legislativi attuati in molti paesi (oltre che il clamoroso risultato della sentenza in Giappone contro alcuni colossi automobilistici) spingono le Case auto ad investire nel campo della ricerca, al fine unico di sviluppare una sempre più eco-compatibile mobilità, un bene comune che porterà benefici a tutti noi.
Porsche nei prossimi anni presenterà una versione ibrida del Cayenne a benzina ed elettrica, una tecnologia che ormai è stata sufficientemente collaudata per ritenersi affidabile e sulla quale il colosso tedesco vuole dire la sua.

L’aneddoto
Nel 1900 Ferdinand Porsche progettò la Lohner-Porsche “Mixte”, una vettura che oltre al motore combustibile montava anche un motore elettrico ed era in grado di accumulare temporaneamente l’energia in una batteria. Questo aneddoto ci ricorda come il marchio tedesco sia sempre un punto di riferimento nel mercato automobilistico. L’attenzione per l’impatto ambientale delle proprie vetture, dunque, nasce in tempi non sospetti e negli ultimi 15 anni Porsche ha ridotto le emissioni di CO2 in media dell’1,7% annuo. Per la nuova generazione del Cayenne di fatto è stata introdotta una nuova generazione di motori con iniezione diretta, che ha ridotto fino al 15% il consumo di carburante e le emissioni di CO2.

ARTICOLI CORRELATI