Bimota DB7

Dai sarti delle moto una splendida sportiva

Bimota DB7. Prendete il miglior bicilindrico in circolazione. Inseritelo in una ciclistica mista, formata da traliccio in tubi ovali d’acciaio al cromo-molibdeno e piastre in alluminio ricavate dal pieno. Rivestite il tutto con poche sovrastrutture, lasciando in mostra gli elementi meccanici realizzati con cura artiginale. Condite il tutto con elementi in carbonio ed otterrete l’ultimo prodotto dell’atelier Bimota, la DB7 presentata a Milano in questi giorni. Una moto artigianale dicevamo, che ruota attorno al motore Ducati Testastretta Evoluzione della 1098. Un propulsore che non ha bisogno di presentazioni, e che viene servito dal meglio della componentistica: i freni anteriori sono Brembo con pinze radiali, la forcella è Marzocchi regolabile, il forcellone posteriore (anch’esso a struttura mista) è infulcrato direttamente sul motore e deve il suo moto ad un monoammortizzatore TTX realizzato dalla Extreme Tech su specifiche esclusive Bimota. Il tutto con un peso di soli 170 kg a secco. Cosa aggiungere? Nulla, se non che moriamo dalla voglia di farci un giro!

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE