Moto Guzzi Nevada Classic 750: Test Ride

Provata su strada la Moto Guzzi Nevada Classic 750, ultima nata in quel di Mandello capace di 48 CV e 54.7 Nm di coppia massima

Cambio preciso e trasmissione cardanica Per quanto riguarda il cambio, a cinque rapporti, gli studi fatti su selettore e fermo marce, assicurano una ricerca più precisa e morbida delle marce e del folle. Immancabile, ovviamente, la trasmissione a cardano, semplice nella manutenzione, silenziosa, pulita e praticamente eterna.
Su strada Piccola, leggera ed estremamente divertente. Se fosse stata camuffata, non avrei mai detto che la moto che stavo guidando poteva essere una custom, ma piuttosto una Breva dotata di un manubrio alquanto…particolare.
Ed invece, quella che moto che sembrava letteralmente divorarsi tornanti era ed è l’ultima nata in quel di Mandello, la Nevada Classic 750 i.e.: decisamente più bella rispetto al modello che l’ha preceduta, questa moto trova nell’incredibile regolarità di funzionamento del twin 750 e nell’equilibrio dinamico generale quel giusto mix di piacevolezza e facilità d’uso che contraddistingue la nuova filosofia progettuale Moto Guzzi.
Coppia ben “spalmata” Il propulsore vanta solamente 48 CV, ma sono i 54.7 Nm di coppia motrice, sostanziosi e ben “spalmati”, a sorprendere: si perché le basse vibrazioni, anche ai bassi regimi, consentono di marciare con grande regolarità anche sotto ai 3000 giri/min, richiedendo una semplice rotazione del gas per veder salire piuttosto rapidamente velocità e contagiri.
Un secco no all’uso del cambio a tutto vantaggio del confort di marcia, ma se siete degli appassionati di contagiri in zona rossa, segnaliamo che questo 750 è in grado di spingersi con una certa verve e senza particolari vibrazioni sino a quota 7.000 giri.
In termini di prestazione pura, la resa del piccolo twin è davvero soddisfacente: i 140 km/h si raggiungono velocemente e con estrema regolarità, mentre per arrivare ai 167 km/h dichiarati, bisogna armarsi di un po’ di pazienza.
Ma di numeri, parlando di una moto come la Nevada Classic, si potrebbe anche fare a meno: con una custom, infatti, si va a passeggio da soli o in coppia, ed alla velocità 70/80 km/h è un vero spasso ammirare i panorami offerti da colline e laghi, di cui è ricca Lecco, mentre la Nevada accompagna il tutto con una grande facilità di guida ed un sound estremamente piacevole e tipicamente Moto Guzzi.
Perdona gli errori Le qualità di telaio, sospensioni e pneumatici, permettono di sopperire ad eventuali errori di guida da parte del guidatore. La Nevada Classic 750 i.e., infatti, dimostra nella percorrenza dei tornanti di non temere qualche grado di inclinazione in più…senza dimenticare che la notevole leggerezza complessiva e la posizione di guida non troppo sdraiata consentono una guida comoda ma allo stesso tempo estremamente precisa.
Sempre in tema di sicurezza, si fa segnalare la bontà dell’impianto frenante Brembo, che avrebbe potuto essere più curato da un punto di vista estetico, ma che in termini prestazionali ha dimostrato di saper offrire ottimi valori di potenza ed una modulabilità a prova di neofita.
A partire da 6.990 euro La nuova Nevada Classic 750 i.e., offre un rapporto qualità prezzo davvero eccezionale, visti e considerati i soli 6.990 euro f.c. necessari per portarla tra le mura del proprio garage. Gli accessori disponibili sono moltissimi e tra questi si segnalano un piccolo parabrezza, la borsa serbatoio, la borsa laterale, il bauletto ed il cavalletto centrale.
In questa prova utilizziamo: – Giacca Dainese Mantis – Guanti Dainese Slam – Stivali Dainese Mig Touring – Casco Dainese Airstream – Paraschiena Dainese Wave

ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE