Prova Yamaha XJR 1300: tanta coppia su strada e pista

A Franciacorta c'era anche lei. La Yamaha XJR 1300 si è rivelata una classic estremamente potente e dal design curato, forte del motore raffreddato ad aria più grande mai messo su di una moto. Il motore grintoso e la livrea da un sapore anni '70 rendono la XJR 1300 godibile anche in pista, a patto di saperla domare. Costa 10.390€

Ezechiele, 25-17: ecco come comincia uno dei discorsi più famosi del cinema fatto da Samuel L. Jackson in Pulp Fiction, che per qualche motivo ci è venuto in mente nel provare la Yamaha XJR 1300.  Si, perché l’aggettivo giusto per definire questa moto sembra proprio essere “Pulp”. Una moto potente, cattiva, che si mostra com’è senza troppi fronzoli.

Il propulsore, un 1250cc a 4 cilindri, è il più grande motore raffreddato ad aria che ci sia su di una moto, pronto ad erogare 98CV a 8.000 giri e ben 108Nm di coppia massima già a 6.000 giri. Eppure a guardarla non suscita timore, non è come un’enorme cruiser difficoltosa da spostare nelle manovre da fermi (la XJR pesa 240Kg in ordine di marcia), il serbatoio squadrato da 14,5 litri la rende snella e facile da avvolgere.

Il tappo serbatoio poi è decentrato, uno dei particolari ben studiati per dare alla moto un tocco classico come anche le placche laterali (traforate) a ricordare la tabella porta numero e l’insieme di manubrio alto, faro e strumentazione di stile retrò. Allo stesso tempo sulla XJR 1300 troviamo anche sospensioni Ohlins al posteriore e forcelle a steli rovesciati all’anteriore. La sella invece, a 829mm da terra, è stata studiata per avere un design monoposto nonostante il passeggero sia ben accetto (anche se un po’ sacrificato).

Questa moto quindi coniuga bene l’anima corsaiola con quella dei tempi che furono, presentandosi nel suo complesso come una vera primizia. Ad Iwata hanno pensato la classic di punta specialmente per il mondo custom, la XJR infatti è pronta per essere personalizzata nelle maniere più forti a partire dalla Yard Built Skullmonkee di cui abbiamo parlato qualche mese fa.

La nostra prova quindi, che doveva svolgersi esclusivamente su strada, è stata consumata anche in pista perché dopo qualche piega tra belle strade di campagna ci siamo accorti che per capirla fino in fondo avremmo dovuto farla spremere al nostro Luca Pedersoli tra i cordoli.

Ecco quindi il risultato delle due prove di questa Yamha XJR 1300, che costa 11.390€ in questa versione e  11.590€ nella più sportiva Racer.

 

Prova su strada:


Saliamo in sella
alle XJR 1300 con trepidazione, rendendoci conto che non è così minuta come sembra al primo sguardo. le masse infatti sono importanti, anche se la posizione di guida è molto comoda grazie al manubrio alto e le pedane basse, oltre al già citato serbatoio stretto.

Girata la chiave la moto si accende con un rombo d’altri tempi, ed il sorriso sotto al casco (integrale, anche se la usate solo per l’aperitivo!) non tarda ad arrivare. Giù la prima e via, ma nel partire la facciamo spegnere. Già, perché la frizione attacca in un attimo ed è molto caricata, così ci ha riservato una bella figura che purtroppo nessuno ha visto.

Una volta capita però, ci si accorge come non sarebbe potuto essere altrimenti, vista la coppia possente che si fa sentire già subito. L’assenza di qualsiasi controllo elettronico è una scelta apprezzabile, anche se ogni tanto si sente un po’ la mancanza dell’ABS. Il punto è che Yamaha ha voluto dare questa XJR 1300 a quelli che i controlli elettronici li odiano, e da puristi del genere chiamano la loro prediletta “la motocicletta” e non “la moto”, che potrebbe sembrare la stessa cosa ma vi assicuriamo che non è così.

Per rfar fronte alla mancanza di ABS, i tecnici giapponesi hanno dotato la XJR di un doppio disco da 298mm all’anteriore e di un singolo da 267mm al posteriore, che offrono una pinzata più morbida per evitare il bloccaggio delle ruote

Alla lunga però ci abituiamo bene alle sue masse, e la XJR 1300 diventa davvero godibile ed ancora più possente grazie alla coppia che non chiede un uso frenetico del cambio. Si, la moto scorre bene per lunghi tratti senza stancare, scaldare o impensierire troppo. L’unico risentimento è per il supporto del faro anteriore e della strumentazione, che in plastica spezza un po’ l’immagine di una moto bella e ben curata.

 

Prova in Pista

“Senti Luca, ti và di provare anche questa?” lui alla fine l’ha fatto. Dopo una giornata in sella alla nuova R1 (qui la prova) Luca Pedersoli ha deciso di concedersi qualche giro rilassante con le MT di casa Yamaha e poi con la XJR 1300. Fa un certo effetto vederlo con tuta da pista su di una classic, almeno finché non mette in moto. Poi arriva un collega, che si occupa esclusivamente di auto, a chiederci se il casino della pista fosse di questa tanto decantata R1. “eh no caro mio, questo è il milleetré che urla infondo al rettilineo”.
Dopo svariati giri, Luca ci racconta le sue impressioni:

“non mi aspettavo niente di simile, la moto spinge davvero forte ed imposta le traiettorie con una precisione che non mi sarei aspettato. La coppia si sente in ogni momento, ed i tornantini (di Franciacorta ndr.) si divorano in un attimo. L’unico limite di questa moto è, forse, la frenata, anche se bisogna dire che mi ha regalato molte soddisfazioni.

Scendendo in piega si sente il telaio ben stabile, ed anche per me che sono alto la posizione non è sacrificata. Equipaggiata con queste gomme (Dunlop Sportmax) si riesce a fare molto anche in pista, anche se ad un amatore consiglierei qualcosa di più specifico. Certo, non una slick, ma un compromesso più sportivo e devo dire che in ogni caso non è una moto adatta a tutti, le sue caratteristiche infatti necessitano di un pilota smaliziato.”

ARTICOLI CORRELATI