Roma Motodays: tutte le novità dell’edizione 2019

L’undicesima edizione di Roma Motodays si svolgerà dal 7 al 10 marzo presso Fiera Roma, con tante novità ed eventi da scoprire. L’8 marzo le donne entrano gratis

Si avvicina a grandi passi l’appuntamento con Roma Motodays, la kermesse che andrà in scena dal 7 al 10 marzo presso Fiera Roma, in cui si potranno scoprire le ultime novità di prodotto presentate dalle Case costruttrici italiane e internazionali e prendere parte a tante attività esterne per gli amandi della pista e del flat-track o le evoluzioni degli stunt-man, fino al Riding Experience, marchio di fabbrica di Roma Motodays, che consente agli appassionati di provare le moto messe a disposizione dalle case in un tour esterno al quartiere fieristico, per apprezzare al meglio le caratteristiche dei mezzi.

Roma Motodays: tutte le case presenti e le novità

Continua a crescere il numero delle Case presenti all’undicesima edizione di Roma Motodays: alle già annunciate Honda, Kymco e Triumph si aggiungono infatti Askoll, Benelli, Moto Morini, KTM, Husqvarna, Royal Enfield, Indian Motorcycle e Harley-Davidson (che svelerà il vincitore del suo contest The Battle of the King, che premia la migliore special fra le centinaia realizzate dalle sue concessionarie in tutto il mondo).

Durante il salone sarà svelata la Honda CB1000R Tribute, una special firmata dalla casa dell’Ala in un modello unico realizzato per celebrare i cinquant’anni della Honda Four 750. Ma non è tutto: verrà anche allestita una mostra tematica dedicata alle storiche che sarà intitolata “Honda 750 Four. E nulla fu più come prima”.

Tra gli appuntamenti da segnare in calendario c’è “La Capitale Automobile – Moto”, il summit dedicato al mondo delle moto e degli scooter, organizzato dal Centro Studi Fleet&Mobility, insieme ad Agos in programma venerdì 8 marzo. Gli argomenti dell’edizione 2019 del convegno saranno l’analisi delle tendenze, le quote e i segmenti del mercato moto, il fenomeno vintage e il successo delle moto di media e piccola cilindrata.

Ci sarà modo di parlare anche di tecnologia in sella, comfort e sicurezza con un occhio di riguardo per le infrastrutture e i prodotti. Saranno presenti anche importanti Rally di livello internazionale come Transanatolia 2019, in anteprima in un salone italiano e solo per i visitatori di Roma Motodays, il Serres Rally e il Rally di Albania oltre che i principali operatori italiani come MotoExplora, Libermoto, Altrimenti Viaggi, GoBiker e tanti altri per progettare la prossima avventura a due ruote, ma anche territori italiani come l’Azienda Turistica Locale del Cuneese.

Roma Motodays è anche solidarietà

Confermata la solidarietà con la partecipazione di Bambini Nel Deserto, con il nuovo progetto per Garage Italia, e le celebrazioni per i 10 anni del terremoto de L’Aquila. In occasione della Festa della Donna l’8 marzo, Roma Motodays riserverà l’ingresso gratuito e il parcheggio interno gratuito a tutte le donne motocicliste che arriveranno in Fiera alla guida di una moto/scooter. L’ingresso sarà dal Cargo Ovest di Fiera Roma.

Il Programma: quattro giorni molto intensi

I Roma Motodays 2019 si preannunciano come quattro giorni intensi di attività e di eventi dedicati agli appassionati delle due ruote motorizzate, che nel grande contenitore di Roma Fiere potranno trovare il motociclismo in tutte le sue declinazioni: dalle novità di gamma, che si possono anche provare con la Riding Experience, alle special, dalle moto storiche alle sportive e off-road che hanno siglato imprese importanti come la vittoria alla Dakar.

E poi ancora, personaggi, incontri, dibattiti, premiazioni, presentazioni, spettacoli nelle aree esterne e quest’anno persino la prima tappa di un trofeo nazionale. Ma ci sarà anche spazio per iniziative legate al asociale, come annunciato da Claudio De Viti che ha riepilogato le iniziative portate avanti da Confindustria ANCMA per le due ruote motorizzate: dal guardrail salvamotociclisti alle proposte legate al Codice della Strada, relative ad esempio all’utilizzo degli scooter elettrici e all’accesso di moto e scooter nelle corsie prefenziali. A proposito del guardrail salvamotociclisti è intervenuto l’ing. Lelio Russo, dirigente di ANAS, che per la prima volta è partner di Roma Motodays. La nuova barriera, interamente progettata da un team di ingegneri dell’Anas, ha superato i crash test anche con un mezzo pesante 38 tonnellate lanciato contro la barriera a 65 km/h con un angolo di impatto di 20°. L’ing. Russo ha annunciato anche il progetto relativo alle smart road, con il monitoraggio dinamico attraverso il proprio smartphone.

Parola alle autorità del Salone

Tante le autorità che sono intervenute alla conferenza stampa di presentazione di Roma Motodays 2019. Tra queste il presidente del CONI, Giovanni Malagò che ha parlato così della manifestazione: “Il nostro Comitato Olimpico gode di grandissimo prestigio internazionale e il merito è anche di Federmoto e del lavoro che porta avanti da anni. In particolare è fondamentale l’attività in sinergia con Fiera Roma perché promuove e sostiene le due ruote a tutti i livelli con particolare attenzione al territorio.”

“Eventi come Roma Motodays sono un plus economico per il CONI, per Federmoto e anche per Fiera di Roma. Il connubio con Fiera di Roma è importante, sarebbe stato il fulcro di alcune attività sportive da realizzare nel dossier delle Olimpiadi di Roma 2024. Quest’idea che può sembrare così avveniristica, così coraggiosa e così diversa non è mia, ma e particolarmente vincente ed è copiata e mutuata da quello che succede nelle grandi metropoli dove gli spazi fieristici sono gli unici che permettono di sviluppare la perfetta integrazione fra il core business polo fieristico e le istanze del mondo sport a 360 grandi. Si può fare in pianta stabile ma anche una tantum, ed è uno spazio al servizio dello sport nazionale“.

A fargli eco l’ingegnere Pietro Piccinetti, amministratore delegato di Fiera Roma: “Grandi eventi come Roma Motodays non solo consentono di unire domanda e offerta, ma rivestono un ruolo di supporto sociale relativamente a tematiche quali mobilità sostenibile e sicurezza stradale per migliorare lo stile di vita delle persone.”

“Roma, per la sua storia e posizione, non poteva non avere una manifestazione legata alle due ruote vista la grande presenza di motoveicoli sulle strade oltre 395.000 mila. Le fiere da sempre sono una risorsa economica e sociale fondamentale, ricordiamo l’Italia rappresenta una vera eccellenza nel settore fieristico non solo come presenze ma anche come indotto generato. Fiera Roma è una società privata che porta avanti una mission pubblica, il successo dei nostri eventi sviluppa un volano importante per il territorio e per fare questo abbiamo bisogno di collegamenti diretti con la città“.

ARTICOLI CORRELATI