MotoGP test 2012 Sepang: Stoner ancora davanti, Valentino Rossi quinto

Il campione del mondo scende sotto i 2 minuti, dietro di lui Lorenzo, Pedrosa, Spies che è caduto e Rossi con la Desmosedici GP12

Casey Stoenr ancora davanti nell’ultima giornata di test
Nella sessione della mattina dell’ultima giornata di test a Sepang, è sempre più Casey Stoner. Dopo la buona prestazione del pomeriggio della seconda giornata di test, il nr. 1 della Repsola Honda in sella alla RC213V questa mattina ha abbassato ancora il tempo portandolo sotto i 2′ abbattendo il precedente record stabilito da Valentino Rossi nel 2009 con la Yamaha M1 (2’00”518). L’australiano, alle prese con un nuovo telaio da ieri, sta curando il problema di chattering in curva e dovrebbe testare oggi le nuove Bridgestone.
Alle spalle di Stoner l’abisso perché Jorge Lorenzo (Yamaha Factory), secondo, becca più di mezzo secondo mentre Dani Pedrosa oltre sei decimi e Ben Spies, quarto, più di otto decimi, ma alle prese con un nuovo telaio.

Valentino Rossi con la Ducati Desmosedici GP12 risale la classifica
Attardato di 1”217 Valentino Rossi, impegnato a perfezionare accelerazione ed elettronica. Sembra comunque che i test proseguano bene e che la GP12 risponda bene alle modifiche senza problemi profondi anzi, Rossi ha girato 1” più veloce di ieri.
Altra Ducati al sesto posto, è quella di Hector Barberá del Team Pramac, che dovrebbe provare oggi per la prima volta con la Desmosedici le nuove mescole Bridgestone, è l’ultimo a rimanere sotto il 2:01 grazie al suo 2:00.929, a 1”322 dalla testa.
Fanno trenino le due Yamaha M1 del Team Monster Yamaha Tech 3: 7° Cal Crutchlow e 8° Andrea Dovizioso (in quotidiano recupero fisico): l’inglese è stato autore di un 2:01.108 (+1.501s) nonostante una innocua caduta mentre l’italiano si porta sul 2:01.257 (+1.650s).
Álvaro Bautista (San Carlo Honda Gresini) 9° è staccato di 1”777 e Nicky Hayden 10° conclude dolorante dopo 16 giri con un miglior giro di 2:01.729, a 2”122 dalla vetta. Fine dei test per Nicky: ha fatto l’impossibile ma non ha forza per guidare. Con il Team pensa sia meglio recuperare per Sepang 2. Kentucky Kid è sceso in pista con un bendaggio alla spalla che lo ha aiutato a stare in carena, ma il dolore era troppo.
È poi la volta del Campione del Mondo Moto2 Stefan Bradl (LCR Honda), che dopo aver lavorato ieri su due differenti geometrie del telaio ha voluto poi effettuare un confronto diretto in mattinata, rinviando al pomeriggio la prova della nuova gomma anteriore Bridgestone. Il tedesco fa registrare un 2:01.824. Subito dietro troviamo l’altro grande protagonista della sfida per il titolo Rookie of the Year 2011, il ceco Karel Abraham (Cardion AB Motoracing), che porta la sua Desmosedici sul 2:02.218.
L’ordine d’arrivo prevede poi i due collaudatori Nakasuga (Yamaha Factory) e Battaini (Ducati Team) rispettivamente in 13ª e 14ª piazza, seguiti dalla Suter di Colin Edwards (NGM Mobile Forward Racing), impegnato in mattinata a risolvere alcuni problemi di chattering. L’americano completa 24 giri con un miglior crono pari a 2:04.722 poi ha mostrato anche lui le evidenti conseguenze del caldo e dell’umidità sulla sua mano.
Chiudono la tabella dei tempi i due piloti del team Avintia Racing, con Ivan Silva autore di un 2:08.225 e Jordi Torres sul 2:10.184.

Classifica della mattina della terza giornata di test a Sepang
01. Stoner C.Repsol Honda Team 1:59.607
02. Lorenzo J.Yamaha Factory Racing +0.591
03. Pedrosa D.Repsol Honda Team +0.649
04. Spies B.Yamaha Factory Racing +0.888
05. Rossi V.Ducati Team +1.217
06. Barbera H.Pramac Racing Team +1.322
07. Crutchlow C.Monster Yamaha Tech 3 +1.501
08. Dovizioso A.Monster Yamaha Tech 3 +1.650
09. Bautista A.San Carlo Honda Gresini +1.777
10. Hayden N.Ducati Team +2.122
11. Bradl S.LCR Honda +2.287
12. Abraham K.Cardion AB Motoracing +2.611
13. Nakasuga K.Yamaha Factory +2.727
14. Battaini F.Ducati Team +3.426
15. Edwards C.NGM Mobile Forward Racing +5.115
16. Silva I.Avintia Racing +8.618
17. Pietri R.Avintia Racing +10.033
18. Torres J.Avintia Racing +10.577

Tag:
ARTICOLI CORRELATI
RUOTE IN RETE