Toyota Prius – Long Test Drive

Il Toyota Hybrid System della Prius basa il suo principio di funzionamento su due componenti elettrici (un motore ed un inverter per la regolazione della tensione) ed un propulsore a benzina, “orchestrati” da una sofisticata centralina elettronica: il “cuore” elettrico, oltre a spingere l’automobile, ha il compito di recuperare l’energia nelle fasi di frenata trasferendola […]

Il Toyota Hybrid System della Prius basa il suo principio di funzionamento su due componenti elettrici (un motore ed un inverter per la regolazione della tensione) ed un propulsore a benzina, “orchestrati” da una sofisticata centralina elettronica: il “cuore” elettrico, oltre a spingere l’automobile, ha il compito di recuperare l’energia nelle fasi di frenata trasferendola al pacco batterie che pesa solamente 39 kg. Scendendo nel dettaglio, l’unità elettrica è in grado di fornire 68 CV e 400 Nm di coppia massima alimentata a 500V, mentre il propulsore a benzina da 1.5 litri, dotato di fasatura variabile, eroga 78 CV e 115 Nm di coppia. Un totale che per alcuni istanti può toccare i 146 CV ma soprattutto 515 Nm di coppia massima, gestiti non solo dall’elettronica ma anche da una meccanica sofisticata e da un cambio automatico CVT di ultima generazione.
Le prestazioni sono di tutto rispetto: Prius arriva a 100 km/h partendo da ferma in appena 10.9 secondi, facendo registrare 170 km/h di velocità massima.

La ibrida Toyota, nonostante le sue forme poco convenzionali, ha le sembianze e le dimensioni di una berlina 4 porte del segmento D. I numeri parlano di 4.45 m di lunghezza, 1.73 m di larghezza, 1.49 m d’altezza ed un passo di 2.7 metri. Dimensioni davvero interessanti, che hanno consentito agli uomini Toyota di “ritagliare” un abitacolo e un vano bagagli davvero spaziosissimi.

Prova su strada
Ma è il momento di mettere le ruote su strada. Il traffico è caotico e per immettersi in carreggiata c’è bisogno di sprint. Nessun problema, alla pressione dell’acceleratore ed in men che non si dica, il propulsore a benzina viene in “soccorso” di quello elettrico assicurando tutta la spinta necessaria per la manovra. Non male!

Il traffico cittadino è lento, e spesso ci si ritrova fermi o a passeggio a passo d’uomo. A differenza delle altre vetture, Prius si trova alla perfezione in questa situazione perché dopo l’accelerazione iniziale il quattro cilindri a benzina si spegne lasciando il compito di muovere Prius al solo cuore elettrico.

ARTICOLI CORRELATI